Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Bernini

Bernini: Enea e Anchise, una scultura che racchiude il senso profondo della paternità

Nell'occasione della Festa del Papà, vi parliamo oggi dell'opera di Bernini dal titolo "Enea, Anchise e Ascanio"

Sei un grande appassionato di Arte e Cultura? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico?

Bernini, il celebre scultore della Roma barocca, ha lasciato in quell’immenso tempio di tesori racchiusi nella Galleria Borghese, delle profonde ed emozionanti testimonianze. Sculture talmente belle e sorprendenti in grado di generare un racconto denso di numerose immagini, scene teatrali, o fotogrammi, poichè la sua scultura possiede il dono di fermare il punto esatto in cui il dramma si snoda.

Nel giorno di San Giuseppe, Festa del papà voglio ricordare la paternità in senso pagano, attraverso una bellissima opera di Gian Lorenzo Bernini: Enea ed Anchise. Non c’è niente di più bello e poetico di un figlio pieno di quel senso profondo del dovere

Una scultura che mi riconduce alla memoria di mio padre che negli ultimi mesi della sua vita, prendeva sempre più la sembianza sofferente, ma fiera di Anchise e un po’ per ricordare i suoi anni del Liceo, un po’ per guardare a quel barlume di futuro nel quale continuava orgogliosamente a vedere noi Pellegrini (detti anche “Vecciuni”, vecchi o meglio saggi) come Dottori, aspettava il ritorno di scuola di mia figlia, alle prese con il primo anno di Liceo classico e conversava con lei  sull’lliade, l‘Odissea e dell’Eneide. Ed ecco che per magia l’anziano, contaminato dalla sua giovane nipotina (innamorata di Ettore), ritornava ad essere quel giovane liceale che tifava segretamente per i Troiani.

Bernini

Bernini: Enea ed Anchise

Bernini prende spunto dall’Eneide, dove la caratteristica fondamentale attribuita ad Enea è appunto la pietas intesa come devozione, rispetto per gli dei e la famiglia, degli uomini e un forte senso del dovere. Enea deve portare in salvo suo padre e suo figlio dalla città di Troia che è stata distrutta e sente che deve portare a termine un dovere.  Deve cercare una nuova terra e fondare una nuova città sulle ceneri di quanto è stato distrutto dai Greci.

Ha la consapevolezza di essere stato un prescelto perchè figlio di Afrodite e perchè è stato salvato da Poseidone dalla furia di Achille. Il padre sulle spalle rappresenta il peso del passato che va rispettato ed onorato. Il piccolo Ascanio, che si nasconde dietro Enea rappresenta il futuro da creare e proteggere, la giovane pianta da annaffiare e curare ogni giorno, nonostante le avversità, così come suo padre Anchise fece con lui.

Enea porta in salvo suo padre e crea quelle solide basi per diventare egli stesso padre, non solo del piccolo Ascanio, ma della civiltà dei Romani.

Bernini

Bernini: Enea e Anchise. Dentro i sentimenti dei personaggi.  La paternità come base del dovere e del vivere civile.

Bernini restituisce allo spettatore attraverso gli sguardi profondamenti espressivi, eloquenti e veri di Anchise, Enea ed Ascanio la tragica inquadratura di Troia bruciata dalle fiamme.

Enea porta sulle spalle il vecchio padre Anchise, paralizzato nelle gambe e con la schiena ricurva, che reca in mano il vaso con le ceneri degli antenati (i Lari Tutelari). Il piccolo Ascanio, figlio di Enea, si nasconde dietro al padre stringendo nella mano l’eterno fuoco custodito nel tempio di Vesta che accenderà la nuova vita di Roma.

Molto preciso, significativo e raffinato il lavoro che Bernini ha fatto sulla corporatura dei personaggi, raffigurati nelle loro diverse età: la pelle di Ascanio appare morbida, quella di Enea  forte, quella di Anchise più raggrinzita. La composizione è ascendente e a spirale.

Insieme ad altre celebri sculture monumentali come Apollo e Dafne, il ratto di Proserpina e Il David, Enea, Anchise ed Ascanio fu commissionata dal Cardinale Borghese.

Fu un Bernini appena diciannovenne a creare nel 1619 questo capolavoro che condensa nella scultura il grande racconto dell’umanità e della nascente civiltà romana. Gli storici dell’arte sostengono inoltre che Bernini fu aiutato dal padre Pietro, anch’egli scultore e che fu una feconda collaborazione tra i due.

Insieme alla paternità e alla pietas secondo molti studiosi, Bernini rappresentò anche quei valori morali e civili che formano il buon governo.

Caro Icrewer, con la speranza di poter ritornare un giorno alla Galleria Borghese, ti facciamo gli auguri per una Buona festa del papà!

Sei mai stato alla Galleria Borghese ad ammirare le sculture del Bernini?
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

l'ultimo fuggiasco ercolano

19 ottobre, 2021

Articolo approfondito

Archeologia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0