Gente di facili costumi
[compra]

Gente di facili costumi: un omaggio a Nino Manfredi

Flavio Insinna e Giulia Fiume nella commedia di Nino Marino e Nino Manfredi, per la regia di Luca Manfredi

Gli attori a fine spettacolo sono saliti sul palco con Luca Manfredi e hanno ringraziato e salutato il pubblico di Benevento augurando a tutti buon anno. Spettacolo carino e attori molto calati nella parte!

Gente di facili costumi
Gente di facili costumi

Lo spettacolo “Gente di facili costumi” andò in scena per la prima volta nel 1988, con Nino Manfredi nei panni del protagonista, Ugo, insieme ad Anna – nome d’arte “Principessa” – una prostituta disordinata e rumorosa che sogna di diventare “giostraia”.

Gente di facili costumi: Insinna raccoglie l’eredità di Manfredi

La vicenda parte il via la notte in cui Ugo sale al piano di sopra per lamentarsi con l’inquilina che tornando a notte fonda e accendendo il giradischi l’ha svegliato e lei, per la confusione, lascia aperto il rubinetto dell’acqua della vasca allagando irrimediabilmente l’appartamento di lui.

Ugo sarà costretto quindi, anche a causa di uno sfratto, a trovare rifugio dalla “Principessa”.

Con questa convivenza forzata inizia un confronto/scontro costellato di incidenti e incomprensioni, ma anche un curioso sodalizio, dove ciascuno condivide con l’altro ciò che ha.

Dall’incontro tra Anna e Ugo nasce un turbine di disastri, malintesi, ilarità e malinconie pienamente in sintonia con l’immagine che il loro autore, Nino Manfredi, ha lasciato nel ricordo di ognuno di noi.

Lo stesso Insinna ha detto sul suo ruolo di attore chiusa l’esperienza televisiva con L’eredità:

“Posso solo dire grazie e essere riconoscente alla Rai per tutti questi anni bellissimi”.

Lo spettacolo ha debuttato il 29 dicembre a Brindisi, con la regia di Luca Manfredi e il 30 è andato in scena al teatro comunale Vittorio Emanuele a Benevento. Poi si riparte con Roma, teatro Argentina, dal 3 gennaio in poi.

0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Condividi su facebook
CONDIVIDI
0