Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Justin Bateman

L’ artista che attraverso la Land Art riproduce dipinti famosi con ciottoli colorati

"Riproduco le opere con tutto quello che mi dà la natura". Ecco chi è Justin Bateman artista della Land Art

Sei un grande appassionato di Arte e Cultura? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Entra in redazione.

Opere sensazionali le riproduzioni di Justin Bateman, un artista poco conosciuto, ma che sta facendo parlare di sé per la sua magnifica dote artistica.

L’artista riproduce opere famose attraverso la Land Art, utilizzando ciottoli colorati per creare le varie sfumature dei ritratti.

Le sue opere sono effimere, esistono e poi vengono spazzate via dal tempo, dalla natura.

Justin Bateman espone ovunque ne abbia voglia ed ispirazione di creare un’opera di ciottoli, la sua sede di esposizione è il mondo, i suoi colori i ciottoli che la natura dona, la sua arte è ispirata ai vecchi maestri dell’arte.

Justin Bateman, chi è?

Justin Bateman

Artista britannico 44enne, Justin Bateman iniziò a produrre la sua arte di ciottoli quando a causa della pandemia rimase bloccato in Thailandia a Chiang Mai.

Proprio in quel periodo comprese che l’arte vera e propria non è mezzo di commercializzazione e prese spunto dagli insegnamenti dei maestri tibetani i quali creano i Mandala per poi dissolverli nel vento una volta completati, per delle pratiche spirituali come ringraziamenti alla natura.

“Ho esplorato la Land art per molti anni, ispirandomi ad artisti come Andy Goldsworthy e alle pratiche spirituali dei monaci tibetani. I monaci trascorrevano molte ore a creare mandala di sabbia, solo per spazzarli via una volta completati.

L’impermanenza è una caratteristica importante del mio lavoro; quanto tempo deve esistere un’opera d’arte per avere valore? Rifiutando i materiali dell'”alta arte” come il bronzo e gli oli (materiale di “Dio rinascimentale) e tornando a una semplicità più simile ai nostri antenati cavernicoli.

Potrei dire che i ciottoli sono i miei pixel.

In un mondo con un appetito implacabile per di più, preferisco usare di meno; la registrazione del mio lavoro è solo un’impronta digitale poiché non lascio alcuna traccia fisica della mia presenza nell’ambiente. Il mio lavoro esplora temi di persone, luogo e tempo, ordine e caos… ‘L’entropia della vita’”. -Justin Bateman

Justin Bateman

Nella sua Land Art utilizza come materiale tutto ciò che gli viene offerto dalla natura, in questo caso i sassi, di diversa dimensione e cromaticità, creando veri e propri mosaici.

Inizialmente, come raccontò in un’intervista, influenzato dalla nostra cultura e dalla nostra concezione dell’arte, dal nostro attaccamento materiale, dal fare arte per guadagnare, per l’artista risultò molto difficile allontanarsi dalle sue creazioni e soprattutto distruggerle.

Successivamente, grazie ad una spiritualità maggiore acquisita, Justin Bateman iniziò a considerare la sua come un’arte effimera come le stagioni, adatta a non stravolgere l’ambiente.

Testimonia e pubblicizza il tutto attraverso l’arte digitale della fotografia, che pubblica sui social, accompagnate dal titolo dell’opera, artista originale e da un pensiero spirituale d’artista.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Justin Bateman (@pebblepicassos)

“Temo di aver perso del tutto le sfumature della sottigliezza; richiede una profonda attenzione al vedere, non solo al guardare. Voglio che rimanga, anche quando i ciottoli hanno preso strade separate. Questa è una vera arte.”

Justin Bateman
“Non indosso scarpe, uno perché non ne ho, due perché hai bisogno di sentire con i tuoi piedi” -Raphael

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ecco la pagina Instagram di Justin Bateman dove poter ammirare le sue opere:  Justin Bateman (@pebblepicassos) • Foto e video di Instagram

Land Art

Cos’è la Land Art? Land Art significa “arte della terra”, “arte della natura”. Sempre più artisti riscoprono l’appartenenza alla natura e realizzano opere che nel tempo vengono dissolte, testimoniandole con delle foto. Uno dei massimi esponenti è proprio Christo con The Floating Piers.

The Floating Piers

È una forma d’arte contemporanea che è conosciuta anche come “Earth Art”.

La Land Art si è sviluppata nel 1967 negli Stati Uniti d’America diffondendosi poi nel mondo.

Con essa gli artisti che si sono approcciati a questo movimento, si vollero allontanare dall’arte tradizionale non stilisticamente ma “materialmente”, per produrre opere con tutto ciò che la natura mettesse a disposizione, ma senza stravolgerla o distruggerla.

La Land Art è contemporanea a molti altri movimenti che si sono formati dopo la Seconda Guerra Mondiale, grazie al concetto di rivoluzione che vide la proliferazione di molti movimenti artistici come la Pop Art, la Body Art, la Minimal Art, l’Arte Povera, l’Arte Concettuale e la Land Art-Earth Works.

Gli artisti che aderirono alla Land Art si autodefinirono “fanatici della natura”.

In particolare delusi dall’era del materialismo e dal Modernismo cercarono il diverso, l’opposto, quindi, spazi grandi, aperti che non includessero istituzioni con sale espositive, ma che potessero comunicare con la natura facendo, quindi, emergere le dissonanze con l’epoca.

 

Cosa ne pensi di questa propensione all’uso del “materiale” naturale? Pensi che sia una più perdita di possibili opere d’arte di pregio o un rispetto verso l’ambiente?
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

vola via by winx club

28 novembre, 2021

Articolo approfondito

Cultura

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0