Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Diego Armando Maradona

I murales dedicati all’insostituibile numero 10 del Napoli: Diego Armando Maradona

I murales dedicati al grande campione argentino sono innumerevoli, soprattutto a Napoli. Vediamo come la street art ricorda Diego Armando Maradona

Sei un grande appassionato di Arte e Cultura? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico?

Mercoledì 25 novembre ci ha lasciti il grande calciatore argentino Diego Armando Maradona. Un grave lutto che ha colpito il popolo argentino, Napoli, gli appassionati di calcio e i tifosi del Napoli. Innumerevoli i ricordi che stanno girando sulle diverse piattaforme social, ma noi di iCrewPlay Arte, abbiamo voluto raccogliere i murales più significativi.

I murales dedicati a Diego Armando Maradona da ammirare e fotografare

La street art è un’arte nata più vicino al popolo che ad un pubblico d’élite, e così era Maradona, nato da una famiglia semplice e numerosa, più vicino al popolo che all’aristocrazia. E Napoli lo sapeva bene, per questo non è difficile girare tra le sue strade e i suoi vicoli e trovare un’immagine, una maglietta o un simbolo che rimandi subito al talentuoso Pibe de oro.

Diego Armando Maradona Ed è proprio a Napoli che troviamo il maestoso murales restaurato da Francisco Bosoletti. Il gigantesco murales è stato realizzato da Mario Filardi, per ringraziare Maradona per la vittoria dello scudetto del 1990.

A murale finito, gli abitanti del quartiere organizzarono una festa con tanto di fuochi artificiali. Realizzato con semplice vernice, nel corso degli anni il murale ha iniziato a sbiadirsi. Ma il vero danno fu nel 1998, quando sul muro, esattamente nel punto in cui si trova il volto di Maradona, fu aperta una finestra.

Il murales si trova tra i vicoli dei Quartieri Spagnoli. Successivamente, il volto in via De Deo ha ripreso vita grazie all’opera di Salvatore Iodice, nel 2016. Gli abitanti dei Quartieri hanno chiesto a Francisco Bosoletti di ridisegnare anche il volto di Maradona. Quindi Bosoletti, nel 2017, in accordo con la figlia di Filardi e con Iodice, ha dato un volto nuovo al grande Maradona del 1990.

Tutti gli abitanti del quartiere hanno contribuito economicamente per la realizzazione. Inoltre, con il restauro del 2016, è stato ritrovato il brillante di Swarovski che a suo tempo era stato usato come orecchino del Pibe de Oro ed è stato ricollocato sul murales.

Diego Armando Maradona Un altro importante ed enorme murales si trova nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, realizzato da Jorit. È uno dei murale dedicati a Maradona più grandi al mondo. Jorit ha scelto di rappresentare Maradona non più calciatore, ma riproducendo una foto dell’epoca in cui allenava la nazionale argentina. Sotto il suo volto troviamo la scritta “Dios Umano”. Le parole di Jorit:

Maradona, oltre che per le sue gesta calcistiche, mi ha sempre colpito come essere umano, infatti nel murale non l’ho ritratto da giovane, ma contemporaneo a noi. Mi sento vicino a lui perché si è sempre schierato da parte delle battaglie dei popoli deboli, dei latinoamericani e dei palestinesi. Anche nel raccontare i suoi problemi, il rapporto tumultuoso con la famiglia e l’abuso di cocaina, non ne ha mai fatto vanto, anzi in quel caso è sempre emersa la sua inquietudine, la sua umanità. Trovo ipocrita giudicarlo.

Diego Armando Maradona Murales Ma Maradona non è solo Napoli, anche a Roma a Trastevere, Harry Greb ha realizzato un murales dedicato all’ineguagliabile trequartista. El Diez è stato rappresentato con la maglietta del Napoli, con sguardo da condottiero fiero, ricordando Che Guevara. La metafora per sottolineare le battaglie che ha sostenuto nella sua vita.

E’ un tributo al più grande calciatore di sempre . L’ho raffigurato sovrapponendolo al suo idolo Che Guevara conferendo al fenomeno Maradona un aspetto da guerrigliero viste le tante battaglie che ha sostenuto nella sua controversa vita. Oggi però va celebrato un artista assoluto del calcio. Un talento irripetibile.

E sulla scelta del quartiere, l’artista spiega:

L’ho posizionato a Trastevere perché simbolicamente è il ‘barrio’ popolare di Roma che può ricordare quelli di Buenos Aires.

Diego Armando Maradona è legato profondamente a Napoli e ai Napoletani. E alla triste notizia, i napoletani hanno manifestato il loro dolore riunendosi a pregare sotto i murales del centrocampista argentino.

Che ricordi hai di Diego Armando Maradona? Raccontaci quello che ricordi e cosa ti ha colpito del Pibe de Oro.
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

Cleto Munari

1 ora fa

Cristina Milano

20 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0