Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
La nuova definizione della parola museo

L’ICOM si prepara dare una nuova definizione della parola museo

Riprendono, dopo più di un anno, i lavori dell'ICOM per stabile ed elaborare una nuova definizione della parola museo. Sarà possibile seguire un webinar con traduzioni simultanee in francese, inglese e spagnolo

Sei un grande appassionato di Arte e Cultura? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico?

Hai mai pensato al significato e alla definizione della parola museo? E’ facile cercare il significato, ma c’è qualcuno che vuole dare un tocco di freschezza alla parola. E oggi, 10 dicembre 2020, l’ICOM ha deciso di elaborare una nuova definizione della parola museo.

L’ICOM riapre la discussione sulla nuova definizione della parola “museo”

La parola museo, etimologicamente deriva dal greco Μουσεον, derivato della parola Μοσα (musa) e significa luogo sacro alle Muse. Inoltre la parola museo stava ad indicare l’edificio situato nella città di Alessandria d’Egitto che ospitava la celebre Biblioteca.

La definizione della parola museo, leggendo il Vocabolario online della Treccani, è: raccolta di opere d’arte, o di oggetti aventi interesse storico-scientifico, etno-antropologico e culturale; anche, l’edificio destinato a ospitarli, a conservarli e a valorizzarli per la fruizione pubblica, spesso dotato di apposito corredo didattico.

La definizione attuale (che si può trovare nel sito della sezione italiana dell’ICOM) è la seguente:

Il museo è un’istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società, e del suo sviluppo, aperta al pubblico, che effettua ricerche sulle testimonianze materiali ed immateriali dell’uomo e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, e le comunica e specificatamente le espone per scopi di studio, educazione e diletto.

Questa definizione, approvata nel corso delle ventiduesima Assemblea Generale dell’ICOM tenutasi a Vienna il 24 agosto 2007, è stata recepita in Italia dal Ministero dei Beni Culturali con decreto ministeriale del 23 dicembre 2014. La descrizione, secondo il comitato dell’ICOM (o almeno per alcuni membri), è superata da una nuova definizione della parola museo.

Il 7 settembre 2019, si doveva tenere a Kyoto l’Assemblea Generale dell’ICOM (International Council of Museums, principale ente internazionale che rappresenta i musei, fondato nel 1946) durante la quale si sarebbe dovuta votare la proposta per la nuova definizione.

La nuova definizione posta ai voti è:

I musei sono spazi democratizzati, inclusivi e polifonici per il dialogo critico sui passati e sui futuri. Riconoscendo e affrontando i conflitti e le sfide del presente, conservano reperti ed esemplari in custodia per la società, salvaguardano diversi ricordi per le generazioni future e garantiscono pari diritti e pari accesso al patrimonio per tutte le persone.

I musei non hanno scopo di lucro. Sono partecipativi e trasparenti e lavorano in collaborazione attiva con e per le diverse comunità per raccogliere, conservare, ricercare, interpretare, esporre e migliorare la comprensione del mondo, puntando a contribuire alla dignità umana e alla giustizia sociale, all’uguaglianza globale e al benessere planetario.

Qual è il motivo che spinge l’ICOM verso la ricerca di una nuova definizione?

nuova definizione della parola museo La curatrice danese Jette Sandahl, presidente del Comitato permanente per la definizione, si dovrebbe spingere ad un cambiamento al fine di adattarla ad un linguaggio che vada oltre a quello del XXI secolo. Inoltre la vecchia definizione ignora le richieste della democrazia culturale.

Nella nuova definizione della parola museo, si legge: i musei lavorano in partnership attiva con le diverse comunità, con lo scopo di contribuire alla giustizia sociale e alla dignità umana, all’eguaglianza globale e al bene del pianeta.

Ma questa formula, che si distacca totalmente dalle definizioni precedenti , ha spaccato a metà l’opinione dei membri del Consiglio Generale, che hanno chiesto il rinvio dell’approvazione per poter continuare a lavorare sul tema insieme a tutti gli organi dell’ICOM.

Secondo alcuni, infatti, la proposta rappresenterebbe una degna dichiarazione di missione che finalmente riconosce ai musei un ruolo attivo nella società civile, mentre altri hanno espresso preoccupazione per il fatto che la definizione non tenga conto delle funzioni tradizionali di un museo, condannandone il tono politico.

ICOM Italia fa sapere in una nota che «ritiene la formulazione inadeguata a definire il museo, che storicamente ha svolto il ruolo di istituto dedicato all’acquisizione, conservazione, documentazione, ricerca, comunicazione ed esposizione di oggetti patrimoniali», «i quali vanno considerati testimonianze dell’umanità e del suo ambiente. I musei sono rivolti allo studio, all’educazione, al diletto e sono attori di primaria importanza nelle società moderne e contemporanee».

E con il 70% dei votanti si è dichiarato favorevole al rinvio della decisione, si è arrivati ad oggi 10 dicembre 2020.  Ne erano seguito un clima di tensioni che aveva condotto a una lunga catena di dimissioni, a cominciare da quelle della presidente Suay Aksoy, che avevano poi portato alla nomina del nuovo presidente, l’italiano Alberto Garlandini. Tra i dimissionari figuravano anche Jette Sandahl, presidente del Comitato permanente per la definizione, le prospettive e i potenziali del museo, e cinque membri dello stesso comitato, che aveva elaborato la proposta per la nuova definizione della parola museo.

Il webinar per la discussione sulla nuova definizione della parola museo

webinar per la nuova definizione della parola museo Il webinar, intitolato Defining the museum in times of change: a way forward, sarà condotto dai nuovi co-presidenti del Comitato per la definizione, le prospettive e i potenziali del museo, totalmente rinnovato, anche nel nome. Al nuovo nome è stato aggiunto un “2” alla fine della titolazione ufficiale: Standing Committee for the Museum Definition, Prospect and Potentials 2, abbreviato in MDPP2.

I co-presidenti subentrati sono Lauran Bonilla-Merchav e Bruno Brulon. Il webinar per la discussione sulla nuova definizione della parola museo vedrà anche la partecipazione del presidente Alberto Garlandini. Durante l’incontro saranno descritte le varie fasi della metodologia che dovrà portare a una nuova definizione di “museo”, con l’obiettivo di incoraggiare i membri e i comitati dell’ICOM a partecipare attivamente al processo.

Il webinar sarà trasmesso con traduzioni simultanee in francese, inglese e spagnolo e si potrà seguire seguendo le istruzioni diffuse dall’ICOM.

Qual è la tua definizione di museo? Raccontaci il tuo pensiero e la tua proposta, lasciandoci un commento
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

15 ottobre, 2021

Eventi

Architettura

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0