Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
ogata korin

L’estetica giapponese attraverso i dipinti di Ogata Kōrin

Artista del periodo Tokugawa, Ogata Korin ha contribuito ad arricchire il Tesoro nazionale del Giappone

Caro iCrewer, oggi, per il nostro appuntamento con l’arte giapponese, conosceremo uno dei più importanti maestri della scuola decorativa nipponica, che prese piede nel Periodo Tokugawa (1603 – 1868). Conosceremo meglio Ogata Kōrin, conosciuto per i suoi dipinti su pannelli e le sue lacche.

Ogata Korin: storia ed evoluzione dell’arte nipponica

Ogata Kōrin , nome originale Ogata Koretomi, chiamato anche Ogata Ichinojō o Kōrin, è nato nel 1658 a Kyoto, e morì il 20 luglio 1716. E’ stato un artista giapponese del Periodo Tokugawa (1603–1868), considerato, insieme a Sōtatsu , uno dei maestri della Scuola di pittura decorativa Sōtatsu-Kōetsu. È particolarmente famoso per i suoi dipinti su pannelli, lacche e disegni tessili .

ogata korin Kōrin era figlio di un famoso calligrafo e fabbro, Hon’ami Kōetsu. Otgata Kōrin è cresciuto in un ambiente di lusso, in cui l’estetica era di fondamentale importanza. Dopo aver ricevuto una considerevole eredità da suo padre, l’artista ha trascorso la sua giovinezza conducendo una vita spensierata piena di ricerca del piacere.

A causa delle sue stravaganze e stranezze, Kōrin perse la fortuna che aveva ereditato e dovette dedicarsi all’arte per vivere. In precedenza nella sua vita, aveva studiato pittura per molti anni, in un primo momento probabilmente sotto la tutela di suo padre, che era un pittore affermato, e in seguito sotto Yamamoto Sōken, un membro della scuola Kanō ufficialmente riconosciuta. Sōken, che era abile sia nella pittura a inchiostro in stile cinese che nella pittura tradizionale della scuola di Tosa, che utilizzava soggetti giapponesi e uno stile decorativo colorato, istruì il suo allievo in entrambi i modi.

Altre influenze sui suoi primi lavori derivano da i dipinti di Kanō Yasunobu e anche dal lavoro di Sōtatsu, che furono i due pittori decorativi più eccezionali dell’inizio del XVII secolo. Pochissimi dei primi dipinti di Kōrin sono stati identificati e quelle opere che possono essere attribuite a questa fase della sua carriera sembrano essere state dipinte a inchiostro nel tradizionale stile Kanō.

La maturità artistica di Kōrin iniziò nel 1697, quando si affermò come pittore professionista. Nel 1701, all’età di 43 anni, gli fu assegnato il grado di hokkyō, a indicare che era un artista affermato; dopodiché, praticamente tutto il suo lavoro porta la firma Hokkyō Kōrin. Purtroppo quasi nessuno dei suoi dipinti porta una data, e quindi è difficile determinare la cronologia della sua produzione artistica. Alcuni studi hanno determinato che tutto il suo lavoro più importante sia stato prodotto nel periodo dopo il 1697.

Questo periodo può essere suddiviso in tre parti: il periodo formativo di Kyōto, dal 1697 al 1703, quando ottenne il riconoscimento come artista; il periodo dal 1704 al 1710, quando visse a Edo (l’attuale Tokyo); e gli anni dal 1711 al 1716, quando raggiunse il suo culmine artistico.

Iris - Ogata Korin
Paravento dell’Iris – Ogata Korin

Il primo capolavoro di Ogata Kōrin è stato un paravento che rappresentava erbe e fiori autunnali, che combinava le sue due caratteristiche più eccezionali: un raffinato senso di disegno decorativo astratto e uno studio approfondito della natura.

Il culmine di questa fase fu in un famoso Paravento dell’Iris, un’opera che si ritiene risalga a dopo il 1709. E’ un’opera realizzata su due pannelli, che misurano 150,9 x 338,8 centimetri. Probabilmente furono realizzati per la famiglia Nijō e furono presentati al tempio buddista Nishi Honganji a Kyoto, dove furono tenuti per oltre 200 anni. Sono stati venduti dal tempio nel 1913 e ora sono conservati al Museo Nezu, dove vengono esposti occasionalmente (l’ultima volta, dal 12 aprile al 14 maggio 2017). Quest’opera rientra nel tesoro nazionale del Giappone.

Trasferitosi a Edo nel 1704, godette del patrocinio di ricchi mercanti e di alcuni dei grandi signori del Giappone feudale . Tra le opere attribuite a questo periodo vi è un rotolo a mano raffiguranti i fiori delle quattro stagioni che si tramandano nella famiglia Tsugaru di Tokyo. L’opera è un incantevole rotolo sospeso di azalee bianche e rosse e un doppio schermo che rappresenta le onde.

L’opera do Ogata Korin

ogata korin
Ogata Korin, Onda in burrasca

Dopo il suo ritorno a Kyōto nel 1711, l’opera di Sōtatsu ebbe una grande influenza sulla sua arte. Sulla pittura di questo maestro, infatti, ha basato le composizioni di due dei suoi paraventi più famosi sulle opere del maestro. Questi sono i due pannelli a sei schermi raffiguranti L’Onda in burrasca e il doppio schermo Dio del Vento e Dio del Tuono.

La rappresentazione data da Ogata Kōrin, nell’opera l’Onda in burrasca, trasmette un senso di minaccia, a causa dei lunghi tentacoli irregolari creati dalla schiuma, punteggiati qua e là da qualche apertura. Profilato a inchiostro con l’antica tecnica di disegno cinese in cui si tengono due pennelli nella stessa mano, questo paravento con onde simili ad artigli si ispirava a un’immagine del pittore Sesson Shūkei del periodo Muromachi (ca. 1504-ca. 1589). Sul paravento si nota un sigillo con la scritta Dōsū, il nome assunto da Kōrin nel 1704.

Sotatsu, Dio del Vento e Dio del Tuono
Sotatsu, Dio del Vento e Dio del Tuono

Wind God and Thunder God (Dio del Vento e Dio del Tuono) è una coppia di schermi a due pieghe realizzati con inchiostro e colore su carta rivestita di oro. È una replica di un’opera originale di Tawaraya che raffigura Raijin, il dio dei fulmini, dei tuoni e delle tempeste nella religione shintoista e nella mitologia giapponese , e Fujin , il dio del vento. Più tardi, Sakai Hōitsu, un altro membro di spicco della scuola Rinpa, dipinse la sua versione dell’opera. Tutte e tre le versioni dell’opera sono state esposte insieme per la prima volta in settantacinque anni nel 2015, alla mostra Rinpa: The Aesthetics of the Capital del Museo Nazionale di Kyoto.

Ogata Korin Dio del Vento e Dio del Tuono
Ogata Korin, Dio del Vento e Dio del Tuono

Altra opera di grande valore e di grande importanza, che va ad arricchire ulteriormente il Tesoro Nazionale del Giappone è Red and White Plum Blossoms (Fiori di Susino Bianco e Fiori di Susino Rosso). La composizione è molto semplice: sulla sinistra un albero di susino dai rami contorti punteggiato di fiori bianchi, sulla destra un altro albero di susino dai fiori questa volta di colore rosso; al centro, tra le due piante, un sinuoso corso d’acqua dal basso si allontana verso l’alto.

Ogata Korin

Il fondo è per intero rivestito di foglia d’oro; in basso a destra e in basso a sinistra compaiono le due firme dell’artista, entrambe seguite da un sigillo circolare in rosso.

Oltre agli splendidi dipinti su schermo colorati per i quali è principalmente famoso, Ogata Kōrin era un esperto artista della lacca il cui lavoro ha avuto un’enorme influenza sugli artigiani che lavorano in questo campo. È famoso anche per i suoi disegni tessili e le decorazioni pittoriche che forniva per le ceramiche di suo fratello, Ogata Kenzan , considerato da molti critici il più grande vasaio del Giappone.

Cosa ne pensi di Ogata Korin? Conosci altre sue opere? Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0