0

Paternità e arte contemporanea

L’amore “gigante” nei dipinti di Margarita Sikorskaia

Margarita Sikorskaia - paternità
0

0

Auguri a tutti i, papà! Oggi è la festa della paternità e se sei qui, probabilmente è perchè ami l’arte o per lo meno, ne sei incuriosito. 

Dunque stasera, alla fine di una “Giornata del papà ai tempi del Covid-19” e passata in casa con i tuoi bambini – che tra l’altro sanno bene comune farti perdere il senno – vogliamo farti un omaggio parlandoti di Paternità e arte contemporanea.

Nella storia dell’arte il tema della paternità è poco presente. Fatto salvo alcune eccezioni – tra cui l’opera di Guido Reni (San Giuseppe e il bambino Gesù – 1635) o l’indimenticabile De Chirico con “il figliol prodigo” (1922) – nella cultura e nell’arte occidentale è sempre stata la figura materna, quella di maggior rilievo e questo è chiaramente frutto di un percorso che inizia con la rappresentazione iconografica Cristiana, che veniva commissionata agli artisti e che doveva compiacere nobili e pontefici adornando cattedrali, palazzi o corti.

La madre insomma, ha sempre rappresentato una figura esclusiva (quella di Maria – Somma Madre, simbolo di purezza, miracolo, amore) e il padre compare soltanto a volte e in secondo piano: fuggevole, apparentemente poco relazionale, poco coinvolto nella scena. Poco presente o in assetto da guerra: vestito, armato, impostato.

Ma finalmente, ai giorni nostri, possiamo parlare di una paternità in divenire: che sta evolvendo. Anche il mondo dell’arte se n’è accorto e la produzione degli artisti contemporanei pare finalmente dare il giusto valore ad una presenza tanto “ingombrante” – in termini di mole – quanto importante.

L’aspetto relazionale padre-figlio diviene l’opportunità evolutiva artistico-culturale di questi tempi moderni, un’evoluzione sociale che abbraccia il desiderio del padre che si fa ormai lontano dallo stereotipo di “padrone” e invece più “protettivo”, più sensibile ai bisogni e più amorevole.

Paternità: l’amore “gigante” nei dipinti di Margarita Sikorskaia

Noi allora vogliamo omaggiare te Papà del 2020 !

Abbiamo selezionato una carrellata di opere di Margarita Sikorkaia, pittrice magistrale che mostra un padre “enorme” come soltanto i bambini lo vedono: imponente, gigante e maestoso ma anche delicato, al tempo stesso così dolce da apparire “fragile d’amore” mentre disperde lo sguardo in quella piccola parte di se stesso. Appartenenza e potenza di una nuova immagine della paternità che infondo, era dovuta.

I dipinti di Margarita Sikorkaia, classe 1969 – (Russia) – sono una perfetta fusione di forza e tenerezza e non ti ricordano niente? Non hai notato quanto ricordino lo stile di Botero? > fai un paragone

Già, l’artista infatti con i suoi “giganti” dai morbidi tratti e dolci atteggiamenti, è tranquillamente avvicinabile al Maestro che scardinò lo stereotipo del corpo femminile e noi siamo davvero fieri di mostrarti le sue fantastiche opere proprio oggi, proprio ora che il tema da scardinare è quello del ruolo paterno!

Che ne dici? Ti piace il nostro regalo? 

Cosa ne pensi di questa ricerca artistica?

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Cosa ne pensi di questa ricerca artistica?
0