Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
piccola amal

Amal: una Piccola Bambina, una Grande Speranza

La Piccola Amal, giovane rifugiata, si imbarca in un viaggio straordinario: dalla Turchia all'Europa

Sei un grande appassionato di Arte e Cultura? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico?

Cari iCrewer, per il nostro appuntamento con il teatro di figura ti voglio parlare di una marionetta molto particolare che da luglio è in cammino dalla Turchia verso l’Europa. Sto parlando della  Piccola Amal, che proprio in questi giorni è stata a Bari e a Napoli.

La Piccola Amal: la piccola bambina, grande come la Speranza

piccola amal La piccola grande Amal sta viaggiando per smuovere le coscienze, e il pensiero riguardo ad un tema molto delicato e tristemente attuale: il destino dei bambini rifugiati. Sono tanti questi bambini che viaggiano per cercare una madre, un padre, una nuova scuola, un nuovo inizio.

La Piccola Amal ci insegna che negli ideali zaini di questi bambini non troviamo quaderni e libri, giochi e penne, ma solo disperazione che si può trasformare in speranza.

Al centro de Il Cammino c’è la Piccola Amal, un burattino alto 3,5 metri che raffigura una giovane rifugiata, creato dalla celebre Handspring Puppet Company. In rappresentanza di tutti i bambini sfollati, molti dei quali separati dalle loro famiglie, la Piccola Amal percorrerà oltre 8.000 km per incarnare un monito: “Non dimenticatevi di noi.”

Amal rappresenta una bambina siriana rifugiata, sta attraversando a piedi la Turchia, la Grecia, l’Italia, la Francia, la Svizzera, la Germania, il Belgio e il Regno Unito per portare con urgenza l’attenzione sui giovani rifugiati e le loro necessità.

In questo momento di straordinari cambiamenti globali, Il Cammino rappresenta un’altrettanto straordinaria risposta artistica: un’odissea culturale che trascende i confini, la politica e la lingua per raccontare una storia nuova di umanità condivisa e per far sì che il mondo non dimentichi i milioni di bambini sfollati, ognuno con la propria storia, resi oggi ancora più vulnerabili dalla pandemia.

Amir Nizar Zuabi, Direttore artistico de Il Cammino, ha dichiarato:

Sì, i rifugiati hanno bisogno di cibo e di coperte, ma hanno altrettanto bisogno di dignità e di una voce.

Il viaggio di Amal

piccola amal Amal sta percorrendo a piedi un viaggio di 8.000 km; è partita da Gaziantep, in Turchia, sta attraversando l’Europa, per arrivare a Manchesyter (UK) come ultima tappa.

In Italia è già passata per Bari e Napoli, le tappe successive saranno: Genazzano, Roma, Spoleto, Assisi, Firenze, Bologna, Milano e Sanremo.

In cammino per sensibilizzare l’opinione pubblica. La piccola grande marionetta sta camminando per tutti i bambini rifugiati, spesso non accompagnati e separati dalle loro famiglie, costretti a intraprendere viaggi straordinari in condizioni estremamente difficili. La sua marcia servirà a non dimenticarli.

Beth Gardiner-Smith, CEO di Safe Passage, ha dichiarato:

In un momento in cui il dibattito pubblico è così polarizzato e le strade legali e sicure per i rifugiati vengono sbarrate, l’arte può svolgere un ruolo fondamentale per disegnare uno scenario diverso avvicinando le persone tra loro. Ci auguriamo che Il Cammino possa gettare nuova luce sui viaggi che i rifugiati sono costretti a intraprendere, promuovendo gli sforzi per creare un mondo in cui tutti coloro che cercano asilo abbiano accesso a un approdo sicuro.

Come accoglierete la Piccola Amal, una bambina di 9 anni di passaggio nella vostra città?

Ogni località risponderà con eventi culturali territorialmente significativi, contribuendo a dare forma a un’odissea artistica che racconta qualcosa di profondo su noi stessi, su come viviamo e su cosa intendiamo quando parliamo di “casa”.

Bari ha risposto subito alla richiesta di aiuto di Amal. Ad accoglierla una nonna gigante in cartapesta che le ha amorevolmente e simbolicamente baciato la mano, in segno di accoglienza e rispetto proprio come si fa con i neonati.

A Napoli, invece, nel quartiere di Forcella, un’infinita folla di bambini ha accolto la marionetta mostrando il caratteristico calore partenopeo e il grande cuore del Sud Italia.

Il teatro Trianon Viviani a dato la sua adesione al Cammino di Amal. Sotto la direzione artistica di Davide Iodice, è stato  proposto DISARMANTE SPERANZA, simboleggiata da una grande mano che impugna una pistola, la quale viene disarmata mettendo al suo posto una matita. La bambina siriana ha fatto visita anche al Palazzo Reale.

Il viaggio della Piccola Amal prosegue e con grande emozione e tanta fiducia per un mondo migliore, dobbiamo seguire i suoi passi.

Conosci il cammino di Amal? Lasciaci un commento e facci sapere se la marionetta è passata nella tua città
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0