quadro di mondrian appeso al contrario

Quadro di Mondrian appeso per 75 anni al contrario: la scoperta di Susanne Meyer-Büser

Girandolo adesso c’è il rischio che possa disintegrarsi

Un quadro di Mondrian è appeso al contrario da 75 anni ma nessuno se ne era mai accorto. Purtroppo adesso non potrà essere girato, perché si corre il rischio di disintegrarlo. Come riportato da ARTnews, durante la conferenza stampa alla vigilia di Mondrian. Evolution, una mostra di Piet Mondrian al museo tedesco Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen K20, la curatrice dell’esposizione, Susanne Meyer-Büser, ha annunciato che l’opera più importante di tutte, New York City 1 (1941), per ben 75 anni è stata appesa ed esposta al contrario. Nessuno però, in tutti questi anni, si era reso conto dell’errore.

New York City 1, il quadro di Mondrian appeso al contrario

quadro di mondrian appeso al contrario
La curatrice Susanne Meyer-Büser

Il primo indizio che il dipinto, una versione con nastro adesivo di New York, sia stato appeso in modo errato, è dato da una fotografia dello studio dell’artista che era stata scattata nel 1944. Poco dopo Mondrian morì. Nell’immagine si vede il quadro sopra un cavalletto, e le strisce gialle, blu e nere si trovano raggruppate nella parte superiore. Eppure, per 75 anni l’opera, che è stata esposta nei più importanti musei del mondo, a iniziare dal MoMA nel 1945, è sempre stata messa a testa in giù.

quadro di mondrian appeso al contrario
Il confronto

AD

Secondo Meyer-Büser l’immagine è stata mostrata per la prima volta al Museum of Modern Art di New York nel 1945. Anche lì, lo spesso raggruppamento di strisce è stato mostrato nella parte inferiore dell’opera anziché nella parte superiore.

“È stata una coincidenza, è stata una svista?”, si è domandata la curatrice, aggiungendo che forse è stato capovolto mentre veniva disimballato al MoMA oltre 75 anni fa. L’esperta ha inoltre affermato di avere altre prove oltre la fotografia scattata nello studio di Mondrian. Pensa che l’artista abbia lavorato dall’alto verso il basso, sovrapponendo accuratamente le strisce di nastro l’una sull’altra, intrecciandole insieme seguendo un metodo specifico, impresa che sarebbe stata molto più difficoltosa qualora avesse lavorato dal basso verso l’alto.

Il quadro in pericolo

Comunque sia, l’opera verrà esposta a ‘Mondrian. Evolution’, mostra che racconta lo sviluppo stilistico dell’artista, così com’è dal 1945, anche se al contrario. Il motivo di questa decisione è stato spiegato dalla stessa Meyer-Büser:

Se giro il lavoro, rischio di distruggerlo” e “forse non c’è affatto un orientamento giusto o sbagliato.

Nell’allestimento originario, il quadro avrebbe dovuto avere in alto le strisce più vicine una all’altra, proprio come in un altro dipinto a olio ‘gemello’ dal titolo “New York” che si trova al Centre Pompidou di Parigi. Non sarebbe neanche la prima volta che il Moma mostra un’opera nel modo sbagliato.

Nel 1961, durante l’esposizione del lavoro di Henri Matisse al museo, un agente di cambio di nome Genevieve Habert notò che il taglio di carta La Bateau era appeso a testa in giù. Nessuno si era accorto di ciò: né il personale del museo, né i 116mila visitatori, e neppure il figlio dell’artista.

La serie New York City

New York City I , o meglio la serie di opere successivamente riunite sotto il titolo New York City, segna l’inizio di una nuova fase nel lavoro di Mondrian. Le linee nere sono scomparse insieme ai rettangoli di colore primario, che sin dalla Composizione: Piani di colore con contorni grigi del 1918 avevano formato una totalità solida e piatta con le linee e il bianco che in precedenza erano stati lo sfondo. Linee invece nei colori primari – giallo, ma anche rosso e blu – attraversano la tela quadrata, intrecciandosi tra loro.

Per la maggior parte, le linee gialle incrociano quelle degli altri colori, ma qua e là, nel modo più sottile, le linee rosse e blu incrociano il giallo. Eppure questo stile non dà luogo a uno spazio illusorio; le bande colorate si sovrappongono e si sovrappongono sulla superficie, davanti agli occhi dello spettatore. È del tutto ragionevole accettare il suggerimento di Michel Seuphor e attribuire questo effetto di incrocio e di intreccio al metodo di Mondrian di concepire ed elaborare queste immagini: utilizzava strisce di carta colorata e le spostava sulla tela per ottenere l’effetto desiderato. In questo modo ha introdotto quasi automaticamente gli incroci e la suggestione di fasce colorate intrecciate.

Questa tecnica fu una delle ragioni del cambiamento nello stile e nel modo di lavorare di Mondrian dopo il suo arrivo negli Stati Uniti, così come la tecnica del papiers colles segnò un passaggio tra la fase analitica e quella sintetica del cubismo di Pablo Picasso e Georges Braque.

L’altra ragione del cambiamento, che alcuni dei suoi seguaci europei consideravano un allontanamento dai suoi stessi principi, era la liberazione interiore che provò dopo il suo trasferimento in America. L’atmosfera che incontrava lì non era sempre piena di un sentimento di minaccia e di terrore, ma di una solida fiducia nella vittoria finale sulla tirannia che aveva cacciato Mondrian da Parigi. Di conseguenza i suoi quadri del periodo americano hanno una tonalità diversa, per così dire maggiore, rispetto alle tele cupe, dominate da linee nere, della fine del suo soggiorno in Europa.

Inoltre, nel ritmo vivace e allegro di questi dipinti c’è un nuovo sentimento di armonia, che Mondrian avrebbe potuto imparare solo nel suo nuovo ambiente: il ritmo della metropoli moderna. Nei primi giorni di De Stijl , Mondrian ei suoi amici si erano adoperati affinché l’ambiente umano, la grande città, fosse determinato dalle leggi dell’armonia. Ora, un esempio di questo nuovo modello culturale, New York City, ha avuto un’influenza radicale sulla sua pittura.

Quale altra opera conosci che è stata installata o appesa male?

0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Condividi su facebook
CONDIVIDI
0