Il cavaliere inesistente teatro india calvino
[compra]

Teatro India, dal 6 dicembre Il Cavaliere inesistente di Italo Calvino

Con un cast tutto al femminile

Il Cavaliere inesistente di Italo Calvino andrà in scena al Teatro India di Roma dal 6 al 16 dicembre, diretto da Tommaso Capodanno. L’opera si inserisce nell’ambito delle celebrazioni per Calvino 100, il Teatro di Roma presenta un progetto che arricchisce ulteriormente il già considerevole programma dedicato alle scuole.

Il Cavaliere inesistente di Italo Calvino al Teatro India

La produzione, infatti, affidata al giovane regista Tommaso Capodanno e ad un cast tutto al femminile, che in diverse occasioni hanno dato prova di distinguersi all’interno dei progetti laboratoriali, ma più in generale, di accompagnamento alla visione con cui il Teatro di Roma è solito arricchire l’offerta destinata al pubblico scolastico, ben si presta a questo scopo. Lo spettacolo ben si adatta ad un pubblico di scuola secondaria di II grado, ma accoglie bene, per programmi e messa in scena, anche al ciclo della scuola secondaria di I grado.

Nota di regia

Come mettere in scena qualcuno che non esiste? La forza di volontà non basta, ma il teatro ci viene in aiuto. Il teatro è un luogo magico, dove giocando è possibile mettere in scena ciò che è invisibile, far vedere allo spettatore ciò che non c’è.

Con Il cavaliere inesistente, Calvino ha creato uno dei personaggi più suggestivi della letteratura novecentesca, capace di segnare la crescita di molte generazioni, tra cui la mia.

Il cavaliere inesistente teatro india calvino

Agilulfo è pura forza di volontà: nei modi e nelle azioni, sarebbe il paladino perfetto, se non fosse che non esiste. Tale conflitto lo rende potentemente umano e vicino a noi. La storia di questo eroe impossibile ribalta ironicamente l’immaginario dei racconti cavallereschi e rende protagoniste figure solitamente marginali. L’intera narrazione è infatti affidata alla guerriera Bradamante, la quale, per eccellenza, rappresenta la diversità nell’armata di Carlo Magno.

Lo spettacolo indaga le tematiche dell’identità e dell’esistenza, mettendo al centro i tre elementi principali del romanzo: una voce narrante di donna, un cavaliere che non c’è e un gioco fanciullesco di guerra e di amore. In scena ci saranno quattro attrici, quattro Bradamante che, attraverso le parole di Calvino, racconteranno le vicende di Agilulfo, Gurdulù, Rambaldo, Torrismondo e gli altri. Oltre ad agire diventando via via i personaggi della storia, le interpreti manovreranno una grande armatura bianca, come se fosse una marionetta, dando vita al Cavaliere Agilulfo.

Andrai a teatro per apprezzare quest'opera di Calvino?

0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Condividi su facebook
CONDIVIDI
0