Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
tes berlino

Ascoltiamo “Berlino”, nuovo singolo dei TES

"Berlino" è il viaggio musicale dei TES, tra sentimenti, disillusione e consapevolezza per rinascere e ritrovarsi

Caro iCrewer, oggi ti faccio conoscere il nuovo singolo del gruppo lodigiano, i TES, acronimo di Tutti Esageratamente Stronzi. Il singolo che vi presento è Berlino (Pako Music Records/Visory Records). Questa band lodigiana possiamo definirla come l’emblema delle nuove formazioni indie-pop nazionali, mettendo in risalto, in ogni loro lavoro, le loro migliori caratteristiche: versatilità, talento e sensibilità autorale.

tes berlino Il gruppo è formato da Andrea Ciaramella, Francesco Delmiglio e Mirko Candura. La band si è formata a Lodi nel 2015, nata dall’esperienza acquisita in seguito a numerosi live dai retaggi cantautorali incentrati sulla scena indipendente locale e regionale, tra cui la doppia partecipazione, in qualità di headliner, alla rassegna Lodi Al Sole.

Nel 2018, pubblicano loro prima release, Canto di protesta. L’anno successivo, pubblicano Chissà perché e, nel 2020, l’EP d’esordio Era Questione di Tempo. Nello stesso anno, grazie alla partecipazione all’illustre bando Break The Wall, promosso dalla S.I.A.E. in partnership con il Circolo ARCI Bellezza, i Tes danno vita ad Essere umano, brano che li consacra ufficialmente al panorama indie-pop nazionale. Versatili, ambiziosi, dotati di un’incredibile capacità di scrittura, esecuzione ed espressione, i Tes sono l’emblema delle nuove formazioni musicali indie-pop, in grado di catturare pubblico e critica sin dal primo ascolto.

Berlino: come i TES raccontano i sentimenti

tes berlino Saltare sul primo treno per la Città dei cento villaggi con l’intenzione insita nella mente e nel cuore di lasciarsi alle spalle una relazione complessa, tuffandosi a capofitto nel potere terapeutico della musica e della compagnia degli amici di sempre: questa l’idea di partenza del protagonista del racconto.

Un gruppo di ragazzi in viaggio per aiutare l’amico di sempre a superare le ferite invisibili, eppure così concretamente percettibili, che ci bruciano dentro. Ma il viaggio non rimargina le ferite, anzi, esalta quella tempesta emotiva di flashback e sentimenti che si nascondono senza sparire.

Il brano, scritto dalla stessa band e prodotto da Filippo Ferrari di XLR Solution, è accompagnato dal videoclip ufficiale, diretto da Tihana Jana Vukic, impreziosito da grafiche accattivanti, di grande impatto, curate da Laura Cella. Attraverso il video, si mette in risalto l’ecletticità della band lombarda. Il giovane gruppo, grazie all’azzeccato contrasto tra sonorità ricercate e testi diretti, continua a farsi spazio nella scena indie-pop italiana con un’impronta stilistica unica, personalissima e fortemente riconoscibile.

Spesso – dichiara la band – consideriamo i viaggi come rimedi alle nostre sofferenze, convinti del fatto che attraverso i volti e le esperienze che questi ci offrono riusciremo a cestinare i nostri problemi e le nostre ansie. Ma la verità è un’altra: non conta tanto il luogo che ci ospiterà, quanto lo stato d’animo e la serenità con cui affronteremo la nostra partenza. A che serve cambiare il cielo sopra la tua testa se ancora ti porti addosso le tue sofferenze?

Non è solo un viaggio a Berlino, ma un viaggio dentro se stessi. Attraversare le proprie emozioni e i propri sentimenti, come se stessimo in una nuova città, per capire di cosa abbiamo bisogno.

Malinconia e speranza si intrecciano in un groviglio di riflessione e battiti, facendo giungere alla conclusione che essere «partito per dimenticare anni di rimpianti e dolori» ha poco senso in una Berlino in cui «pure i muri assorbono mille colori». E rendersi conto che l’unica soluzione per sanare un’anima scalfita sia affrontare un altro viaggio, questa volta, mano nella mano e cuore nel cuore, senza pensare al domani, ma assaporando ogni attimo del momento presente.

tes berlino I TES sono bravi ad esaltare le emozioni, nascondendole tra le note di Berlino e tra i ricordi ancora troppo nitidi e vicini. Subito si entra nel vivo del viaggio purificatore e disintossicante. Bisogna disintossicarsi da qualunque relazione, che sia stata più o meno bella ed unica.

Il gruppo dipinge con la musica sensazioni, odori e paesaggi, in maniera leggera e spensierata:

Arrivo con il treno ad Alexander Platz
Mi accoglie un buon profumo di birra e kebab
Occhiali scuri e camicia
Sotto il sole di Aprile
Insieme a quei due scemi per dimenticare
Una stronza
Che mi ha fatto perder solo tempo

In questo viaggio a Berlino, sono tanti i ricordi che riaffiorano. I bei momenti insieme e i piccoli gesti che rendono grande una relazione.

Quanto è bello abbracciarti e poterti baciare
Non curandoci del freddo che ci fa congelare
Vita bella, vita strana, vita disperata
Vita che ci fa impazzire per trovare la meta
Quando tutto quel che serve ci cammina intorno
Basta solamente chiudere questo grande cerchio

Una canzone che va ascoltata e sentita, che sicuramente piacerà al pubblico, che in qualche modo si troverà a rendersi conto che quelle emozioni raccontate, sono state anche vissute.

9.5

0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime recensioni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0