11 settembre attentato torri gemelle

11 settembre, il dramma indimenticabile delle Torri Gemelle: il rapporto con l’arte

Una storia di tragedia e resilienza

Le Torri Gemelle del World Trade Center, una volta simbolo dell’iconica skyline di New York City, sono entrate nella storia come uno dei luoghi più tragici e significativi degli Stati Uniti. L’11 settembre 2001, il mondo assistette a un evento che avrebbe cambiato il corso della storia e avrebbe influenzato profondamente la politica globale e la vita quotidiana delle persone.

L’architettura imponente delle Torri Gemelle

Le Twin Towers erano due grattacieli gemelli, conosciuti come il WTC 1 e il WTC 2, che dominavano il Lower Manhattan. Progettate dall’architetto Minoru Yamasaki e completate nel 1973, queste torri erano spettacolari esempi di architettura moderna e innovazione. Ogni torre aveva 110 piani e un’altezza di 417 metri, rendendole le strutture più alte del mondo all’epoca.

11 Settembre: un attacco inimmaginabile

L’11 settembre 2001, alle 8:46 del mattino, il volo American Airlines 11 si schiantò contro la Torre Nord (WTC 1). Solo 17 minuti dopo, il volo United Airlines 175 colpì la Torre Sud (WTC 2). Gli attacchi, perpetrati da terroristi di Al-Qaeda, furono un evento senza precedenti nella storia americana.

11 settembre attentato torri gemelle

Le torri rimasero in fiamme per ore, mentre i soccorritori lottavano per salvare le vite delle persone intrappolate all’interno. Poi, a causa dei danni strutturali causati dagli impatti e dalle alte temperature generate dall’incendio, le torri collassarono. La Torre Sud crollò per prima alle 9:59 del mattino, seguita dalla Torre Nord alle 10:28.

Il crollo delle Torri Gemelle causò la morte di quasi 3.000 persone, tra cui soccorritori e vigili del fuoco. Questa tragedia ebbe un impatto profondo non solo sulla città di New York, ma anche su tutto il mondo.

Risposta e unità

In risposta agli attacchi dell’11 settembre, gli Stati Uniti lanciarono l’Operazione Libertà Duratura in Afghanistan, mirando a smantellare il regime dei talebani e ad eliminare Al-Qaeda. Questo evento segnò l’inizio di un impegno militare duraturo nella regione che ha avuto conseguenze a lungo termine.

Ma nonostante l’orrore dell’attacco, emersero anche storie di eroismo e resilienza. I soccorritori, i vigili del fuoco, la polizia e gli operatori sanitari lavorarono instancabilmente per salvare vite umane, e la comunità di New York mostrò una straordinaria unità e solidarietà. La nazione si unì nel lutto e nell’impegno a non lasciare che il terrorismo distruggesse il tessuto della società americana.

Il Mondo dopo l’11 Settembre

L’11 settembre 2001 ha lasciato un’impronta indelebile nella storia e nella coscienza globale. Ha portato a un cambiamento significativo nella politica internazionale, nella sicurezza nazionale e nelle libertà civili. Gli aeroporti hanno implementato norme di sicurezza più rigorose, e la lotta contro il terrorismo è diventata una priorità centrale per molti paesi.

L’attacco alle Torri  è stato un evento sconvolgente che ha segnato profondamente la storia moderna. Le vite perse in quel giorno tragico non saranno mai dimenticate, e la resilienza dimostrata dalla città di New York e dalla nazione americana rimane un esempio di forza e unità in tempi di crisi. Mentre guardiamo al futuro, continueremo a commemorare le vittime e a impegnarci per un mondo più sicuro e pacifico.

L’attentato e l’arte: Blind di Maurizio Cattelan

L’artista Maurizio Cattelan, dopo 20 anni dal terribile attentato ha realizzato l’opera Blind. L’opera è stata installata all’Hangar Bicocca, ed è stata realizzata in tre tempi.

Nel vasto buio della “Piazza”, la prima tappa, colloca una misteriosa figura bianca, sdraiata e di schiena: scopriremo solo avvicinandoci (una strategia usuale in Cattelan) che sono due. Sembrano dormire. L’uomo è in posizione fetale, davanti a lui un cane pare condividerne il respiro. Piccole figure in una oscurità senza confini. Ci si incammina allora nella navata, un lungo corridoio ritmato da pilastri d’acciaio. Sembra vuoto ma ovunque sono appollaiati piccioni imbalsamati, riattuazione di storiche installazioni dell’artista, presenze inquietanti (l’immaginario cinematografico è chiaro) e incombenti.

11 settembre attentato torri gemelle
Maurizio Cattelan, “Blind”, 2021. Veduta dell’installazione, Pirelli HangarBicocca, Milano. – Courtesy l’artista, Marian Goodman Gallery e Pirelli HangarBicocca. Foto: Agostino Osio

In fondo oltre un varco nel muro c’è una stanza in piena luce, il Cubo (dalla forma del volume), al cui interno si vede un blocco nero. È un ambiente che funziona come la tribuna in una chiesa rinascimentale: già Boltanski aveva individuato la possibile articolazione in senso simbolico-sacrale di questo spazio, abitato da un divino simile a un cieco fato. Il blocco nero che si mostra a poco a poco è un monolite nero (ancora cinema) attraversato dalla sagoma nera di un aereo.

Ricordi quello che è accaduto l'11 settembre?

0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Condividi su facebook
CONDIVIDI
0