Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Anghiari

Ad Anghiari la mostra sugli uomini d’arme del Rinascimento

Dal 31 agosto 2021 al 6 gennaio 2022, il Museo della Battaglia di Anghiari ospita la mostra “La civiltà delle armi e le Corti del Rinascimento”

Sei un grande appassionato di Arte e Cultura? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico?

Caro iCrewer, se sei appassionato di Rinascimento non puoi perdere la terza tappa del progetto Terre degli Uffizi, con la mostra La civiltà delle armi e le Corti del Rinascimento. La rassegna è in programma al Museo della Battaglia di Anghiari dal 31 agosto 2021 al 6 gennaio 2022.

La mostra, promossa dal Comune di Anghiari, si pone l’obiettivo di raccontare un particolare processo che interessò il borgo di Anghiari durante il Rinascimento: la trasformazione di una parte dei notabili del luogo, che da guerrieri, combattenti e uomini d’arme divennero cortigiani eruditi e amanti della cultura. Un fenomeno riscontrabile in tutta Italia, ma particolarmente evidente nel centro dell’alta Val Tiberina.

La civiltà delle armi e le Corti del Rinascimento – Federico da Montefeltro ad Anghiari

La Mostra di Anghiari nasce con l’intento di sottolineare il rapporto tra i Montefeltro di Urbino e alcune famiglie del borgo. Lo stesso Federico da Montefeltro, da quanto risulta dai documenti, è stato ad Anghiari almeno due volte: nel 1468 e nel 1474.

La selezione di opere in mostra, tra tabernacoli dipinti, ritratti, armi e scene di battaglie, provenienti in parte dai depositi degli Uffizi e in parte da collezioni del territorio, vuole approfondire la vita degli uomini d’arme del tempo.

La mostra trova poi un legame col territorio anche per un altro ben noto motivo: qui infatti, il 29 giugno 1440, si combatté la decisiva battaglia tra le truppe milanesi dei Visconti e la coalizione guidata dalla Repubblica fiorentina, alleata con Venezia e con lo Stato Pontificio, che vinse contro Milano.

È proprio la battaglia che Leonardo da Vinci, fra il 1504 e 1505, fu chiamato a rievocare nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze. La vittoria fiorentina fu estremamente rilevante per le sorti dell’Italia del tempo e segnò anche il destino di Anghiari, condizionandone in profondità il tessuto sociale.

anghiari Sala della mostra La civiltà delle armi e le Corti del Rinascimento
Sala della mostra La civiltà delle armi e le Corti del Rinascimento. Foto di Stefano Casati

Nel periodo studiato da La civiltà delle armi e le Corti del Rinascimento, la mostra mette in evidenza come la città di Anghiari fornì uomini d’arme a diversi eserciti delle signorie italiane, la cui nobiltà era spesso imparentata con quella della cittadina toscana.

La mostra è centrata su questi personaggi storici legati alla città in provincia di Arezzo, che da cavalieri e soldati diventarono cortigiani. Dalle ricerche d’archivio è emersa la presenza, in cinquant’anni a cavallo tra Quattrocento e Cinquecento, di ben 24 uomini d’arme, ma probabilmente ce ne furono molti di più perché le ricerche non sono state esaustive. E in quel periodo Anghiari assunse la forma in cui la vediamo oggi.

Come spiegato dal professor Francesco Storti dell’Università di Napoli Federico II:

Il titolo della mostra in realtà non è un titolo d’occasione, ma è la risultante di una grande revisione storiografica. Questa civiltà è stata considerata sempre come quella dei mercenari, di una categoria corporativistica, ma in realtà ciò non è vero: si tratta invece di un segmento della società italiana, anche abbastanza consistente, che ha dato un contributo culturale importante.

federico da montefeltro
Cristofano dell’Altissimo, Ritratto di Federico da Montefeltro (1556 circa; olio su tavola, 60 x 44 cm; Firenze, Gallerie degli Uffizi)

Uno degli obiettivi della rassegna è che dalle sale del Museo della Battaglia possa partire una revisione storiografica, ha dichiarato Storti:

Federico da Montefeltro, grande signore condottiero, non è semplicemente il mecenate che fa la guerra, intasca i soldi e poi finanzia le opere d’arte. Federico è il rappresentante di un ceto che crede nell’arte, che crede in ciò che fa, e che vuole fare la guerra in un modo diverso. Diamo dunque un contributo a partire da Anghiari, che è solo apparentemente un centro piccolo. Lo è dal punto di vista geografico, ma dal punto di vista intellettuale e culturale non lo è: da qui può cominciare un discorso nuovo su una parte molto consistente della cultura rinascimentale italiana.

Una mostra da non perdere per immergervi completamente all’interno del Rinascimento e nella storia di una città che è stata un sostegno importante per la Toscana.

Conosci la storia di Anghiari?
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0