Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Brescia

Brescia, rinvenuti reperti archeologici nella rete fognaria. Quando la bellezza vince

A Brescia, nel corso degli scavi per la rete fognaria, sono stati rinvenuti reperti archeologici di epoca romana, risalenti ai tempi dell'Imperatore Diocleziano

Nella città di Brescia, nel corso dei lavori di scavo per la rete fognaria in via Milano sono stati ritrovati dei reperti archeologici di epoca romana. Tale ritrovamento è avvenuto ad opera dei tecnici del servizio idrico della città, gestito dalla società A2A.

A volte la bellezza sorge proprio in luoghi insoliti e in questa vicenda i celebri versi di Fabrizio De Andrè calzano proprio a pennello:

Dai diamanti non nasce niente, dal letame che nascono i fior…

Brescia

Brescia e i reperti archeologici

Negli scavi nella rete fognaria di Brescia sono dunque emersi tre cippi miliari in pietra, un’ara e una colonna di due metri e mezzo risalenti all’epoca dell’imperatore Diocleziano. I reperti verranno consegnati alla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Bergamo e Brescia.

Le attività di recupero, studio e restauro saranno coordinate dalla Direzione scientifica di Serena Solano, funzionaria archeologa della soprintendenza bresciana. Sia il Comune, sia la Soprintendenza stanno pensando al modo di valorizzare tali ritrovamenti e a individuare uno spazio adeguato per l’esposizione.

La vicesindaca Laura Castelletti suggerisce:

“Ora la Soprintendenza Archeologica, con la dott.ssa Serena Solano, si occuperà dello studio e della valorizzazione di questo importante rinvenimento. Bellissimo sarebbe esporre le iscrizioni vicino a dove sono state trovate oppure accoglierle nelle sale del museo di Santa Giulia, proprio nella sezione romana, ora in fase di allestimento.”

Sui tre cippi miliari ci sono delle iscrizioni con titolatura imperiale e sull’ara c’è un’iscrizione onoraria. Su uno dei tre cippi si distingue il numerale II che fa sicuramente riferimento alle 2 miglia di distanza, ossia 2 Km e 800 metri che separano il punto del ritrovamento dal cuore della città, che in epoca romana era conosciuta come l’antica Brixia, dove possiamo trovare l’antico foro e il Capitolium.

Via Milano, il punto dove è avvenuto questo importante ritrovamento, sta svelando da diverso tempo una serie di importanti tesori nascosti. Presso il Capitolium è infatti conservata la Vittoria alata, che è stata riportata alla luce quest’estate.

Brescia

Brescia o Brixia, una delle più antiche città romane

Queste scoperte confermano che Brescia fu una delle più antiche ed importanti città romane. Era situata lungo la via Gallica, una strada che collegava le più importanti città celtiche a Nord del Po.

Nell’area archeologica situata nel centro urbano possiamo trovare gli edifici più antichi della città: il Santuario di età repubblicana (I secolo a. C.), il Capitolium (73 d. C.), il Teatro (I-III secolo d. C.), il tratto del lastricato del decumano massimo. L’area si apre inoltre sull’odierna Piazza del Foro, che conserva i resti di età romana (I secolo d. C.).

Dal 1998 è stato avviato un progetto di recupero dell’area del Capitolium.

Brescia Foto tratta dal sito Bresciatourism.it

Caro Icrewer, noi speriamo che tu possa visitare di nuovo le bellezze del nostro paese.

Conosci Brescia?
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

Otzi la mummia del Similaun

18 ore fa

Moebius

27 luglio, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0