Ebreo
[compra]

David Parenzo al teatro Parioli con Ebreo, abbattere i luoghi comuni con ironia e profondità

Il 5 febbraio alle ore 21 David Parenzo presenta il monologo Ebreo al Teatro Parioli di Roma

Cosa significa oggi essere Ebreo? Ce lo spiega David Parenzo nel suo monologo teatrale dal titolo Ebreo, regia di Alberto Ferrari. Uno spettacolo che andrà in scena al Teatro Parioli di Roma il 5 febbraio alle ore 21 e che si avvale della partecipazione straordinaria delle voci fuori campo di Vittorio Sgarbi, Enrico Mentana, Ale e Franz, Paolo Ruffini. Le musiche originali sono di Gianluca Ballarin.

Ebreo

Ebreo: il teatro può scardinare i luoghi comuni?

Il teatro mostra la sua forza dirompente e il suo valore di grande contenitore in grado di demolire dall’interno tutti i luoghi comuni e i pregiudizi legati all’appartenenza alla religione ebraica.

David Parenzo costruisce così un monologo, un viaggio tra dentro e fuori, alto e basso, in superficie e a fondo attraversato dall’ironia e dalla leggerezza e al tempo stesso dalla profondità legata all’appartenenza a una comunità, a una religione e a un popolo millenario.

Ebreo
Foto di Oliviero Toscani

Informazioni e prenotazioni

Il costo intero sia per la platea che per la galleria è di 20 Euro, mentre per il ridotto è 15. Per l’acquisto del biglietto puoi mandare una mail a biglietteria@ilparioli.it. Oppure puoi telefonare allo 06 5434851 o al servizio Whatsapp 3517211283.

Puoi acquistare il biglietto direttamente in botteghino, aperto dal lunedì al giovedì dalle 10:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 18:30. Il venerdì dalle 10 alle 13:30, il sabato e la domenica chiuso.

Se hai una carta di credito, puoi effettuare l’operazione telefonicamente attraverso i nostri operatori, sono accettate tutte le carte escluse le Diners e American Express.

Puoi inoltre rivolgerti ai punti vendita autorizzati o acquistare online tramite Vivaticket.

Andrai a vedere questo spettacolo?

0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Condividi su facebook
CONDIVIDI
0