Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Escher mostra Palazzo Ducale

Escher, dal 9 settembre 2021 in mostra al Palazzo Ducale di Genova

Uno degli artisti più amati i cui mondi impossibili sono entrati nell’immaginario collettivo

Sei un grande appassionato di Arte e Cultura? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico?

Il nome di Escher è indissolubilmente legato ai concetti di illusione ottica e  scienza; ma anche smarrimento filosofico, esplorazione dell’infinito, tassellature del piano e dello spazio, all’’impressione che nulla sia mai come lo vediamo. Questo e molto altro ancora è Maurits Cornelis Escher in mostra al Palazzo Ducale di Genova.

Escher mostra Palazzo Ducale

Escher – in mostra al Palazzo Ducale di Genova

Il Palazzo Ducale di Genova accoglierà dal 9 settembre 2021 al 20 febbraio 2022 Escher la più grande e completa mostra antologica dedicata al grande genio olandese. Saranno esposte oltre 200 opere compresi i suoi lavori più rappresentativi come Mano con sfera riflettente (1935), Vincolo d’unione (1956), Metamorfosi II (1939), Giorno e notte (1938) e la serie degli Emblemata.

Escher mostra Palazzo Ducale
Mano con sfera riflettente
Escher mostra Palazzo Ducale
Emblemata XXIV – Lucchetto

Il percorso espositivo di Palazzo Ducale si snoda in otto sezioni (Gli esordi; L’Italia; Tassellazione; Metamorfosi; Struttura dello spazio; Paradossi geometrici; Lavori su commissione; Eschermania) che ripercorrono e  analizzano non solo la sua intera produzione artistica, ma anche la sua tecnica, il suo pensiero filosofico, la sua vocazione, la capacità di osservazione e rappresentazione della realtà che ne fanno uno degli artisti più vicini al mondo della scienza.

Le sue opere, infatti, sono molto apprezzate da scienziati e matematici che ne lodano le distorsioni geometriche e le interpretazioni originali. La proposta espositiva del  percorso in mostra prevede anche esclusive sale immersive e strutture impossibili che saranno confrontate con opere di grandi maestri quali Giovanni Battista Piranesi e Victor Vasarely.

Escher e l’Italia

Attenzione particolare è stata dedicata al rapporto di Escher con l’Italia, Paese che lo stregò e lo ispirò nei suoi lavori. La sua formazione, infatti, non sarebbe stata completa se non ci fosse stato il soggiorno in numerose città italiane, come Siena città presso la quale eseguì le prime incisioni lignee di paesaggi italiani e luogo della prima personale nel 1923.

Legati all’Italia anche la realizzazione degli Emblemata (tutti esposti in mostra) che costituivano un libretto di motti illustrati, concepito insieme al grande storico dell’arte olandese Godefridus Johannes Hoogewerff, suo grande amico ed estimatore.

Escher mostra Palazzo Ducale
Emblemata I – Vaso

Fu un crescente stato di inquietudine a far trasferire Escher verso il sud dell’Italia, dove rimase folgorato e totalmente ispirato dai paesaggi e allo stesso tempo dalla storia di luoghi quali la Costiera Amalfitana (Ravello, Atrani e Amalfi), per poi continuare il suo viaggio alla volta dell’Abruzzo, della Calabria e di Roma, dove si stabilì.

Escher mostra Palazzo Ducale
Atrani, litografia

Escher – il percorso in mostra

La prima sezione – Gli esordi – è dedicata al periodo olandese e guarda specialmente al duro lavoro che dovette fare Escher per affrontare la contrarietà del padre che desidera per il figlio tutt’altra carriera. Esposte in mostra la serie completa delle sei xilografie de I Giorni della creazione, realizzate tra il dicembre 1925 e il marzo 1926, che riproducono i sei giorni della Creazione, così come descritti nella Bibbia.

Escher mostra Palazzo Ducale
I giorni della creazione. Il primo giorno.

La mostra approfondisce sia gli aspetti tecnici, come la tassellazione, sia filosofici, riscontrabile nella metamorfosi dell’opera di Escher; così come la ricerca sulle sue capacità di scompaginare la realtà  attraverso l’analisi della Struttura dello spazio e l’applicazione visiva dei Paradossi geometrici, a cui sono dedicate le altre due sezioni.

Escher mostra Palazzo Ducale

 

 

Eschermania – Palazzo Ducale di Genova

In ultimo, dopo la sezione dedicata ai lavori su commissione, il percorso in mostra si conclude con un omaggio all’Eschermania: la particolarità della rassegna è proprio la presenza di giochi ed esperienze che permettono al visitatore di addentrarsi nello stupefacente mondo di Escher. Come? Da protagonisti, misurandosi con quelli che sono i paradossi prospettici, e compositivi che l’artista pone in essere nelle sue opere.

Siete davvero sicuri che un pavimento non possa essere anche un soffitto?

Conosci le opere di Escher? Parteciperai alla mostra di Palazzo Ducale? Facci sapere della tua esperienza nei commenti
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

Cleto Munari

5 ore fa

Cristina Milano

20 settembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0