Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Fausto Pirandello autoritratti Anticoli Corrado

‘Fausto Pirandello, gli autoritratti’ – in mostra dal 25 luglio ad Anticoli Corrado

Una rassegna che è un omaggio al talento di Fausto Pirandello

Sei un grande appassionato di Arte e Cultura? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico?

Fausto Pirandello, gli autoritratti. In mostra dal 25 luglio al 15 ottobre 2021 presso il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Anticoli Corrado, un piccolo comune della provincia di Roma. Tale iniziativa è promossa dalla Fondazione Fausto Pirandello ed è volta ad approfondire il tema dell’autoritratto molto caro all’artista.

Fausto Pirandello autoritratti Anticoli Corrado
Fausto Pirandello con il padre Luigi, la madre Maria Antonietta Portolano e la sorella Lietta

Fausto Pirandello, gli autoritratti – in mostra ad Anticoli Corrado

Il comune di Anticoli Corrado, arroccato tra i monti della Valle dell’Aniene è particolarmente conosciuto per aver attratto – a partire dalla metà dell’800 – un folto numero di artisti italiani e stranieri affascinati dalla bellezza delle sue giovani donne.

Infatti, nel paese degli artisti e delle modelle Fausto Pirandello trascorse lunghi periodi della vita insieme alla famiglia.

È qui che nasce il suo primo atelier ed è qui che conosce la modella Pompilia D’Aprile che diverrà sua moglie.

Curata dal direttore del Museo Manuel Carrera, il percorso espositivo di Fausto Pirandello, gli autoritratti raccoglie trenta opere provenienti da importanti collezioni pubbliche e private, tra cui spicca l’acquerello di proprietà delle raccolte civiche di Tarquinia, donato dal figlio Pierluigi Pirandello nel 2007.

Si aggiunge, inoltre, alla collezione un autoritratto, donato da Giovanna Carlino – moglie di Pierluigi.

Fausto Pirandello autoritratti Anticoli Corrado
Fausto Pirandello, Autoritratto, 1940

Fausto Pirandello e gli autoritratti: un tema a lui caro

Il tema dell’autoritratto permette una riflessione sull’evoluzione del lavoro di Fausto Pirandello che ebbe inizio presso lo studio di Sigismondo Lipinsky – scultore e incisore simbolista, presso il quale seguì un corso di disegno che lo portò a dedicarsi interamente alla pittura – per poi approdare al cubismo nell’immediato dopoguerra, passando dall’espressionismo del periodo della Scuola romana, fino al ritorno ad una realtà oggettiva della maturità.

Durante la sua lunga carriera, il pittore romano fece di sé uno dei soggetti peculiari della sua ricerca artistica.

Si servì di ogni materiale possibile come olio e carta, tele e disegni, incisioni, acquerelli e pastelli, per fissare un tipo di immagine capace di riassumere un istante, un sentimento, uno stato d’animo.

Fausto Pirandello è tuttora difficile da etichettare. Non fu mai un astrattista totale, soprattutto negli autoritratti ha sempre mantenuto una riconoscibilità. Il suo stile è frutto di una ricerca e di un linguaggio personali. Per me è uno dei più grandi pittori del ‘900 italiano. Ha fatto fatica, soprattutto dopo la morte del nonno, a trovare spazio, anche se i riconoscimenti non gli sono mancati- spiega Manuel Carrera.

Fausto Pirandello, gli autoritratti – il percorso in mostra

Non saranno solo le tele le protagoniste della mostra, ma accanto alle opere anche fotografie d’epoca, celebri ritratti eseguiti da Emanuele Cavalli (pittore e fotografo), oltre che a documentazione inedita proveniente dall’archivio della Fondazione Fausto Pirandello.

La rassegna è accompagnata dalla monografia di Carrera dedicata agli autoritratti di Pirandello pubblicata da De Luca Editori d’Arte.

Grazie all’ausilio di opere e documenti inediti, come alcuni estratti tratti dai diari dell’artista, il saggio propone una nuova lettura di Fausto Pirandello.

Lo scopo è quello di chiarire alcune zona d’ombra del vissuto dell’artista: rivedere alcuni dati fino a questo momento ambigui, come ad esempio la datazione di certi autoritratti, la cronologia di interventi e ritocchi su importanti dipinti e la presenza di più versioni di una stessa opera.

Non è la prima volta che il comune di Anticoli Corrado omaggia Fausto Pirandello.

La prima rassegna risale al 2009, mentre è  del 2018 una mostra di ritratti, paesaggi, nudi e nature morte voluta da Giovanna Carlino per ricordare la dedizione del marito perché fosse riconosciuto e apprezzato il talento del padre pittore, anche mediante la Fondazione da lui creata nel 2011.

INFORMAZIONI UTILI

Luogo: Museo d’Arte Moderna e Contemporanea (Anticoli Corrado)

Indirizzo: Piazza Santa Vittoria 2

Orario: Martedì – venerdì: h. 10-16 / Sabato – domenica: h. 10-18

Biglietto: intero 3€; ridotto 2€

Telefono: +39 0774 936657

Mail: [email protected]

Cosa ne pensi di questa iniziativa dedicata al celebre Fausto Pirandello? Conosci le sue opere? Facci sapere se parteciperai alla mostra e cosa ne pensi in un commento
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0