Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
maternità

Da Giorgione a Picasso a Bouguereau, la figura materna analizzata nelle opere pittoriche

Festeggiamo attraverso l' arte la festa della mamma, colei che è sempre stata fonte di ispirazione artistica

Sei un grande appassionato di Arte e Cultura? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico?

“Mamma”, la parola più bella sulle labbra dell’ umanità.
(Khalil Gibran)

La mamma è un essere speciale, è assurdo il legame che ci lega a lei, è assurdo come il nostro cordone ombelicale non si sia mai astrattamente staccato. La maternità per tutti gli artisti è stata fonte di ispirazione fondamentale per l’espressione dei sentimenti umani nell’ arte. Vari artisti tra pittori, poeti, cantautori ecc.. hanno cercato ispirazione e trovato la propria musa nella figura materna, pensando alla propria madre. Da lei tutto è nato, da lei tutto ancora nasce. È la nostra fonte di luce, la sorgente d’ acqua, la nostra musa ispiratrice, la nostra forza di volontà.

E nell’arte come nella vita, gli artisti hanno citato e dipinto la maternità come il più alto sentimento divino, ma anche nella realtà nei gesti quotidiani, nel cambiamento del corpo, nell’ essenzialità dell’essere.

La maternità della gestualità nell’arte

Gli uomini reggono il mondo. Le madri reggono l’eterno, che regge il mondo e gli uomini.
(Christian Bobin)

maternità
Correggio

Il tema della maternità nell’ arte lo conosciamo più nella sua raffigurazione di sentimento “divino”, amore materno irraggiungibile quasi idilliaco, un’emozione extracorporea, proprio perchè le prime rappresentazioni artistiche che hanno inizialmente trattato questo argomento provengono tutte dall’arte sacra e cioè dalla figura della Madonna con il Bambino, piena di grazia e di affetto materno nei confronti del suo pargolo.

maternità
Caravaggio Adorazione dei pastori

Caravaggio fu uno dei primi artisti a ribellarsi ai canoni estetici di rappresentazione “materna” pur dipingendo tele di arte sacra. L’ estro lo dimostrò nella scelta delle modelle, spesso donne di facili costumi che per l’artista al meglio definivano, delineavano, marcavano il sentimento materno umano che egli catturava all’ interno delle sue tele pittoriche.

Col tempo la maternità raffigurata dagli artisti non si focalizzò soltanto sulla scena divina, ma iniziò ad approcciarsi anche al tema sentimentale umano e alla gestualità e al comportamento materno, su una sfaccettatura, quindi, diversa della figura della donna che ci riporta ad un argomento odierno, uno tra tanti che fece scalpore e divenne oggetto di discussione fu proprio l’ allattamento al seno libero e sfrontato.

Si criticano spesso influencer che mostrano ciò sui propri social, ma osservando tele pittoriche come La Tempesta di Giorgione o Mary Cassat, Pablo Picasso, Tamara de Lempicka, Bouguereau si può notare come già pittori dell’ epoca vollero affermare come quel gesto profondo anche se condiviso appare naturale e puro in quell’ intimità che solo la maternità può provare.

Siamo nati dall’amore; l’amore è nostra madre.
(Gialal al-Din Rumi)

maternità
Tamara de Lempicka 1928 Maternità

Dallo stile dell’ Art Decò nasce Tamara Lempicka, donna forte, appassionata, dal temperamento ribelle che sottolinea anche nelle sue tele attraverso linee geometriche e colori dipinti a blocchi che lasciano intravedere la freddezza, la caparbietà, la lotta per i propri diritti.

Quelle stesse linee, quei tratti si smorzano nel momento in cui l’ artista ritrae la maternità. Nonostante non abbandoni il suo stile pittorico rappresentando il gesto intimo tanto discusso, negli occhi dipinti dall’ artista, la maternità appare dolce, sensibile, delicata, anima e corpo che si connettono con quelli del proprio figlio.

maternità
Mary Cassat 1898 Luise che allatta la sua bambina

Anche Mary Cassat, pittrice statunitense di stampo impressionista, divenne popolare con le sue innumerevoli opere raffiguranti il rapporto tra madre e figlio. La maternità divenne “soggetto” principale nell’ arte di Mary Cassat, quadri dove l’ artista dipinse con pennellate delicate e colori tenui, la tenerezza materna senza cadere nel sentimentalismo estremo.

Di tutti i diritti delle donne, il più grande è quello di essere madre.
(Lin Yutang)

Altro genio, altro pittore dei sentimenti nonchè dell’animo umano e del realismo pittorico fu William Adolph Bouguereau con il suo capolavoro Alma Parens, epiteto che esprime l’ amore genitrice, l’ amore materno.

maternità
Bouguereau 1883 Alma Parens

In questa opera pittorica l’ artista mostra la donna “imperatrice“, una maternità politica, un’ allegoria della propria patria, la madre che allatta i suoi figli come la patria che nutre e protegge i suoi cittadini.

Con il suo stile classicheggiante che si fonde con quello romantico Bouguereau realizza capolavori dell’ arte con perno la presenza femminile. La donna nelle composizioni dell’ artista è sempre presente, mostrata a corpo nudo, divina, materna, come una statuaria greca con delicatezza del disegno e l’ incarnato della pelle realistico che fanno assumere alle proprie opere bellezza artistica assoluta.

Ma Bouguereau affronta anche temi sociali, temi forti che riguardano la condizione economica nella società. Lo vediamo in La Famiglia indigente o Charity, dove l’ artista mostra una madre affranta dal dolore, stanca, ma che che grazie all’ amore che prova per i propri figli trova la forza per accudirli nonostante la circostanza.

maternità
William Bouguereau 1865 Charity

Presentando la carità ai piedi di una chiesa classicheggiante, Bouguereau nonostante il suo spirito gioioso, si cimentò ad affrontare il tema della povertà. Ispirandosi all’ arte sacra e cioè alla struttura piramidale della Madonna con il Bambino e San Giovannino, volle rappresentare la maternità in altre vesti, scovando un’ altra faccia della triste realtà. Nonostante gli abiti e la situazione indigente, l’ artista che si ispirò alla pittura manierista, rappresentò volti distesi, un dipinto privo di compassione che fu criticato da molti storici. Non a caso il poeta belga Materlink scrisse in una delle sue massime:

Tutte le mamme sono ricche quando amano i loro bambini.
Non esistono madri povere, brutte o vecchie.
(Maurice Materlink)

maternità
Pablo Picasso 1905 Maternità

Altro pittore che rappresentò l’ atto gestuale dell’ allattamento fu proprio Pablo Picasso, l’ artista del cubismo il quale in una sua frase con semplici parole spiegò tutto il suo percorso artistico:

“A quattro anni dipingevo come Raffaello però ci ho messo tutta una vita per dipingere come un bambino”

La mamma è sempre presente in tutte le tappe del proprio figlio ed è proprio questa presenza che a volte la rende scontata, ed è proprio questa presenza che con contraddizione la rende anche punto di riferimento. È casa, è amore puro, è colei che con soli semplici gesti quotidiani e dedizione, insegna la vita ed insegna ad affrontarla.

maternità
William Kendall
maternità
William Kendall
maternità
William Kendall

Nelle tenere rappresentazioni di William Kendall si possono vivere questi gesti, questi pezzi di vita quotidiana naturali per le mamme che accudiscono i loro piccoli. Come anche la tela di Tarbell che immortala nella sua opera, come una fotografia appena scattata, la scena di una madre con il figlio in una gita in barca.

maternità
Tarbell -mother and child in a bot

La festa della mamma è la sola festa laica che sia, al tempo stesso, anche spirituale.
(Jean Gastaldi)

 

Mi farebbe piacere conoscere il tuo pensiero sul tema della maternità sacra e non nell’arte. Condividilo pure.
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
+1