Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Mondolfo “galleria senza soffitto”, uno dei borghi più belli d’Italia diventa museo a cielo aperto

Mondolfo, uno dei borghi più belli d'Italia, diventa museo en plein air grazie all'iniziativa "galleria senza soffitto"

Mondolfo galleria senza soffitto
Mondolfo galleria senza soffitto
Ti piace questo articolo? Cosa ne pensi di un museo a cielo aperto visitabile in ogni momento?

Mondolfo è un paese sito tra Senigallia e Fano nell’entroterra delle Marche, occupa un posto nella lista dei borghi più belli d’Italia. Passeggiando per le vie del paese, salendo verso il belvedere, ci si imbatte in opere d’arte di street art ed ingrandimenti di fotografie.

Tutto questo è stato possibile grazie al progetto Mondolfo galleria senza soffitto grazie al quale, dal 7 agosto, si è realizzato un percorso artistico, storico e sociale attraverso le strade del centro storico, fruibile 7 giorni su 7 e 24 ore su 24.

Mondolfo galleria senza soffitto omaggia Mario Giacomelli durante la terza edizione del Synesthesia Festival

Il Synesthesia Festival, nato nel 2018 è una manifestazione multisensoriale che in questa edizione, per adattarsi alle restizioni dettate dal particolare momento (covid-19), ha trasformato il borgo in un museo diffuso tra street art e fotografie, incentrandolo sulle arti visive.

Il progetto Mondolfo galleria senza soffitto ha come curatore Filippo Sorcinelli ed è a cura dell’ Associazione PAM-Pro Arte Mondolfo. Questo programma di arte urbana a cielo aperto verrà arricchito negli anni e diventerà permanente. Lo scopo è quello di valorizzazione dei siti culturali esistenti quali musei e biblioteca e gli spazi pubblici come strade, muri, edifici e piazze.

Di notevole importanza sono gli ingrandimenti degli scatti fotografici di Mario Giacomelli, trasformate in installazioni site specific permanenti. Giacomelli è stato frequentatore del borgo durante la sua esistenza. Nato nell’anno 1925 e venuto a mancare nel 2000, è stato maestro della fotografia internazionale e poeta.

Queste le sue parole in merito al suo lavoro:

“prima di ogni scatto c’è uno scambio silenzioso tra oggetto e anima, c’è un accordo perché la realtà non esca come da una fotocopiatrice, ma venga bloccata in un tempo senza tempo per sviluppare all’infinito la poesia dello sguardo che è per me forma e segno dell’inconscio”

Prendendo come punto di riferimento questo pensiero del maestro è stato possibile collocare gli ingrandimenti delle sue fotografie con specifico riferimento al luogo in cui sono esposte, accompagnate da poesie del fotografo stesso.

Oltre all’esposizione di fotografia troviamo un circuito tematico con opere di street art realizzate da nomi importanti del panorama italiano ed internazionale quali: Loreprod artista e tatuatore che rappresenta l’inconscio in tutte le sue varianti, Matteo Pignataro deejay che riesce a dar vita alle sue installazioni rendendole sonore, Francesco Diotallevi artista pop contemporaneo che utilizza magistralmente l’ironia come forma di racconto, Luisa Fuligni  artista artigiana e maestra nella tecnica ceramica che realizza opere con materiali inconsueti, Yuri Kolesnikov artista-fotografo che ci mostra un mondo dalle infinite realtà attraverso i suoi scatti, Simone Travaglini artigiano del disegno per sua stessa definizione con opere narrative ed evocatrici, Gaetano Bigi detto el gae grafico pubblicitario, illustratore e animatore 2D, Enrico Ferrari sperimentatore nella ricerca dei materiali con uno spiccato senso del colore, Nerodecò agenzia di comunicazione e Creative for Change agenzia creativa entrambe vedono il colore nero come preludio alla bellezza ed ancora Mindshapes Andrea Sata.

Mondolfo galleria senza soffitto è riuscito a realizzare con grande cura un percorso artistico originale, esclusivamente visivo e visibile senza limitazioni dovute a giorni ed orari di apertura, poiché fruibile 24 ore su 24. Contribuisce a dare una forte spinta all’arte, riesce ad avvicinare ad essa chiunque, seppur per caso, si ritrovi a passeggiare per le vie del borgo.

Per avere maggiori informazioni in merito a questo progetto e su come si può raggiungere il borgo di Mondolfo, si può visitare il sito www.synesthesiafestival.it oppure comune.mondolfo.pu.it

 

Commenti recenti

Commenta qui...

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
1+