Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Pablo Picasso

Pablo Picasso nello sguardo di Dora Maar, “La schiava di Picasso” al teatro del Lido di Ostia

La schiava di Picasso, domenica 17 ottobre ore 17:30, regia di Blas Roca Ray, al Teatro del lido di Ostia: La vicenda amorosa di Picasso e Dora Maar, inaugura la stagione

Sei un grande appassionato di Arte e Cultura? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico? Entra in redazione.

Pablo Picasso visto dagli occhi di una donna, l’artista Dora Maar, per anni relegata al ruolo marginale di sua musa ed amante. Osvaldo Guerrieri autore del romanzo e della pièce La schiava di Picasso, dà voce a Dora Maar (Parigi 1907-1997), un’artista degli anni del Surrealismo, non solo affascinante e seducente, ma anche acuta, intelligente sensibile ed impegnata sia politicamente che socialmente.

Pablo Picasso "Ritratto di Dora Maar Seduta"
Dora Maar seduta-olio su tela (92×65 cm)-1937- Musée National Picasso di Parigi

Ella incontrò Pablo Picasso nel 1936 in un caffè di Parigi ed era già una fotografa affermata. Tra i due artisti nasce una passione travolgente che ben presto diventa un amore malato. La vicenda si svolge nella Parigi di Jacques Prévert, Paul Eluard, George Bataille, Man Ray. Essi diedero vita al Surrealismo, poichè rifiutavano l’etica e l’ordine della borghesia. Successivamente Dora e Pablo Picasso vivono la tragedia del nazismo, la fame, il freddo e la paura dell’arresto.

Questa appassionante vicenda di arte ed amore va in scena domenica 17 ottobre al Teatro del Lido di Ostia (Roma) alle ore 17:30 per la regia di Blas Roca Ray e a cura della compagnia teatrale Nutrimenti Terrestri. Monica Rogledi interpreterà il ruolo di Dora Maar e la vicenda sarà narrata attraverso le canzoni interpretate da Monica Cestoni e la chitarra di Gabriele Santori.

Pablo Picasso
dora-maar-e-picasso-2 – Artutto

Pablo Picasso: “Non un amante, ma un padrone”

Il regista Blas Roca Ray, Diplomato all’Accademia di Arte drammatica Silvio d’Amico, nel 1982, il cui nome è legato a Aldo Trionfo, Maurizio Scaparro, Gianfranco De Bosio, Pino Quartullo, Gianni Clementi, Duccio Camerini, Angelo Longoni, ha partecipato alle serie tv come la Squadra, Distretto di Polizia e Un Posto al Sole, mentre al cinema ha lavorato con Muccino, Pupi Avati, Ettore Scola e Francesco Maselli, a proposito del suo spettacolo  e del testo di Osvaldo Guerrieri, La schiava di Picasso, dichiara quanto segue:

“Quante volte siamo andati a guardare dietro la facciata di un artista? È stato proprio questo a farmi innamorare del testo: l’enorme differenza fra l’uomo e il pittore. Pablo Picasso, il genio assoluto: da un lato il suo talento smisurato, dall’altro un egoismo e una cattiveria senza limiti che riversava sulle sue amanti.”

Uno sguardo inedito sul Pablo Picasso uomo,”Pablo è uno strumento di morte. Non è un uomo è una malattia, non un amante ma un padrone”, così lo descrive Dora Maar. Sullo sfondo di una Parigi surrealista e di un’Europa insanguinata dal nazismo e dalla guerra civile spagnola, Monica Rogledi dà vita a questa artista e alla sua progressiva metamorfosi: dall’iniziale eleganza impeccabile a un progressivo svuotamento dovuto alla sofferenza amorosa e al desiderio di purificarsi da un legame che diventa sempre più una prigione.

Sullo sfondo la voce di Barbara Cestoni crea delle intense suggestioni con le canzoni della Parigi di quegli anni: La vie en rose, ne me quitte pas, La Mer.

Arte, amore, passione si intrecciano in una pièce coinvolgente che inaugura la stagione del Teatro del Lido di Ostia. Un cast di eccezione dà vita alla vicenda dei due artisti e amanti.

Monica Rogledi è un’attrice e una doppiatrice e si è formata presso la Scuola di Teatro di Mantova, Il teatro della Tosse di Genova, poi con la compagnia catalana La Fura Dels Baus per la quale ha recitato in lingua spagnola, in francese e inglese, la Compagnia Teatro Garage di Genova, il Teatro Stabile di Genova, il Teatro dell’Archivolto. Al cinema lavora con Pupi Avati e Matteo Garrone.

La cantante Barbara Cestoni, polistrumentista, canta da solista dal 1979, spazia tra vari stili musicali e lingue diverse, lavora con Leo Gullotta, Alessandro Haber e Blas Roca Ray. E’ Maestro emerito della Cappella Musicale Liberiana in Roma ed è laureata in pittura all’Accademia delle belle arti di Roma.

Per informazioni e prenotazioni sullo spettacolo:

Teatro del Lido di Ostia via delle Sirene, 22 00121 Ostia (Roma)
info 060608 | 06.5646962

[email protected]

www.teatrodellido.it 
www.teatriincomune.roma.it
Biglietti intero 10 euro – ridotto 8 euro, teatro ragazzi 6 euro (serale: 8 euro intero – 6 euro ridotto under
12)
biglietteria online: vivaticket.it
TDR CARD le card abbonamento del Teatro di Roma possono essere utilizzate anche al Teatro del Lido di
Ostia.

Ti ha incuriosito la storia di Dora Maar? Andrai a vedere lo spettacolo?
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

Monili

06 dicembre, 2021

Demetrio Volcic

05 dicembre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0