Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Piano city

Piano city Milano: una tre giorni in musica in ogni angolo della città

Piano city 2021. Al via la rassegna di quest'anno che vedrà collocati nei punti strategici della città di Milano ben 150 pianoforti per uno spettacolo unico

Piano city Milano edizione 2021: tutto è pronto per la rassegna musicale che coinvolgerà anche quest’anno ogni angolo della città, tra quelli più significativi per  la loro storia e per ciò che rappresentano, avvolti, quasi protetti dagli stessi quartieri d’appartenenza.

Piano city

E’ in arrivo un vero esercito di pianoforti che verranno sparpagliati in ogni angolo della città di Milano per dar vita all’unisono ad uno spettacolo unico nel suo genere che quest’anno, per città meneghina è al suo decimo anno.

Un’edizione dunque che sa un po’ d’anniversario e che promette davvero uno spettacolo di gran livello già a partire dai numeri che scenderanno in campo nei giorni 25, 26 e 27 giugno prossimi.

Sono stati arruolati per Piano city ben 150 pianisti da tutto il mondo che si alterneranno nei 100 concerti in calendario e che li porteranno negli angoli più belli della città a suonare altrettanti pianoforti, il tutto ad ingresso gratuito ma con obbligo di prenotazione a garanzia delle norme ancora vigenti in riferimento ad aventi di questo tipo e per garantire estrema sicurezza sanitaria per tutti, spettatori, artisti e maestranze.

Piano city

 

Per consentire a tutti di partecipare agli eventi in programma per quest’edizione di Piano city, è possibile apprezzare gli spettacoli anche in diretta streaming.

Questi i luoghi in cui si svolgerà la rassegna Piano city: Galleria D’Arte Moderna, Triennale Milano, Università degli Studi di Milano, a BASE fino a Padiglione Chiaravalle, mare culturale urbano, Giardini di Via Mosso, il Parco Trotter, Giardino San Faustino all’Ortica, Cascina Campazzo, Ippodromo Snai San Siro, i nuovi Giardini di Via Dezza e la Fondazione In-Oltre a Baranzate.

Molti invece gli omaggi musicali previsti in onore e ricordo di alcuni grandi della musica, anche scomparsi recentemente tra cui: Franco Battiato, Paolo Castaldi, Chick Corea, i Beatles, Ennio Morricone e moltissimi altri. L’intero programma è consultabile sul sito dell’evento.

Piano city, un’intera città in musica per il Festival del pianoforte

Non mancherà a Piano city un sentito omaggio in musica a celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, che si andrà ad unire alle tante celebrazioni che in tutta Italia vogliono quest’anno omaggiare il sommo poeta.

Piano city

Nell’ambito della tre giorni in musica di Piano city, ci sarà una mini maratona musicale dedicata alla compositrice, organista e pianista tedesca Eva-Maria Houben alla quale, in prima mondiale, saranno riservate ben 14 ore continue di spazio esclusivo.

Queste le parole dell’artista per descrivere le sue performance:

Dalla musica posso sentire diversi tipi di pause. I musicologi assegnano diverse funzioni a diversi tipi di pause. Pausa può significare qualcosa … come Klang. Comincio a sentire meno della rottura che si riferisce a qualcosa, significa qualcosa, ha una certa funzione … – Comincio a sentire di più della rottura reale, la rottura che sta diventando pericolosa: la musica è sparita, la musica è scomparsa . Non c’è più niente. Non sento niente – e sento che sento ancora qualcosa …

Previste anche collaborazioni con rilevanti istituzioni musicali come il Premio Venezia, Concours International Léopold Bellan, il Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi di Milano, la Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, il Conservatorio Gaetano Donizetti di Bergamo, la Primavera di Baggio e il Premio Antonia Pozzi.

Piano city

Tanti momenti in tanti luoghi della città per un’edizione di Piano city davvero speciale che rivedrà finalmente il pubblico per strada o affacciato ai balconi.

Tutto pronto dunque per farsi sorprendere e coinvolgere fin dalla serata inaugurale che quest’anno affida il compito di tagliare il nastro per l’edizione di piano city 2021 a Roberto Fonseca, pianista jazz cubano di fama internazionale e non poteva esserci inizio migliore in un intreccio di tradizione e modernità, sospeso tra elementi strumentali retrò e virtuose acrobazie vocali.

Note in strada. Negli angoli più rappresentativi della città, un pianoforte, un interprete e tanta musica. Ti sentiresti più spettatore alla finestra, in strada o protagonista magari seduto davanti ad un pianoforte? Dicci la tua nei commenti.
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

Otzi la mummia del Similaun

19 ore fa

Moebius

27 luglio, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0