Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
La tempesta di Eduardo de Filippo

Shakespeare e Eduardo De Filippo. “La Tempesta” tradotta in napoletano

"Tradurre Molière e Shakespeare è stato da sempre un mio desiderio". Eduardo De Filippo riuscì a tradurre "La Tempesta" di Shakespeare in napoletano

Sei un grande appassionato di Arte e Cultura? Hai sempre sognato di condividere le tue conoscenze e le tue opinioni con un vasto pubblico?

Il nome di William Shakespeare è legato a grandi opere teatrali inglesi che sono arrivate a tutti, soprattutto grazie al cinema. Ma quando un’opera entra dentro il cuore del più grande drammaturgo napoletano, riesce a saltare dalla lingua inglese direttamente alla sua trasposizione in lingua napoletana. Ed è quello che accade quando La Tempesta di Shakespeare incontra Eduardo De Filippo.

Eduardo De Filippo traduce in napoletano secentesco il capolavoro di Shakespeare: La Tempesta

Eduardo De Filippo vanta uno spettacolare e unico curriculum, difficile da raggiungere. Il suo lavoro artistico ha segnato un’importante pagina della letteratura italiana e napoletana. Durante la sua vita ha scritto opere teatrali importanti e ancora attuali, come Napoli Milionaria Natale in casa CupielloIn età avanzata, nel 1983, è riuscito a realizzare il suo sogno nel cassetto: tradurre un opera di Molière o una di Shakespeare.

Tradurre Molière e Shakespeare è stato da sempre un mio desiderio, ma l’impegno di presentare al pubblico una commedia all’anno – tra lo scrivere, il provare e il recitare, senza contare il lavoro di capocomico – non mi lasciava il tempo per farlo. L’anno scorso venne a pranzo da me Giulio Einaudi, mi parlò della sua nuova collana di Scrittori tradotti da scrittori e mi chiese se volevo tradurre una commedia di Shakespeare. Fui ben felice di accettare e scelsi “La tempesta”.

E dopo la stesura e la messa in scena di oltre quaranta opere, riesce a trovare il tempo per tradurre un’opera di Shakespeare, in particolare La Tempesta. Diverse sono le ragioni per cui Eduardo scelse questa commedia e non un’altra, e ce lo spiega egli stesso nella nota in chiusura al volume:

Ci sono tanti motivi che mi hanno fatto preferire La Tempesta ad altre splendide commedie scespiriane, una dei più importanti è la tolleranza, la benevolenza che pervade tutta la storia.

la tempesta di eduardo de filippo Eduardo amava Shakespeare, si sentiva vicino ai temi universali, ai fantasmi del grande poeta. Soprattutto amava La Tempesta e, nella vicenda di Prospero, Duca e Mago tradito dal fratello usurpatore, vedeva un messaggio di speranza, che si esprime nella rinuncia alla vendetta. Non nel perdono, ma nella capacità di confrontarsi, di dialogare, di sentire le ragioni dell’altro.

La Tempesta di Eduardo De Filippo è il testamento che Il grande drammaturgo lascia all’umanità fatta della stessa sostanza dei sogni. La traduzione in napoletano seicentesco, non è stata una scelta casuale, ma una scelta studiata e ragionata.

Il napoletano seicentesco è la migliore lingua dotata di concretezza e duttilità al verso; la musicalità della lingua riesce magistralmente a rapire il lettore o lo spettatore. Le note e le sfumature melodiose immergono il lettore in un’atmosfera magica e irreale, come voluto da Shakespeare nella stesura in lingua inglese.

Eduardo resta fedele all’opera originale, non apportando nessuna modifica, salvo il maggior rilievo comico in alcune scene, come quella dell’incontro tra Calibano (servomostro di Prospero) con due marinai napoletani, Stefano e Trinculo.

Il Napoletano scelto da Eduardo è una lingua dai suoni cauti, meno parole tronche a beneficio di parole piane, quindi meno sintagmatica rispetto al napoletano corrente o rispetto al napoletano utilizzato nelle sue commedie.

Il Drammaturgo scelse La Tmpesta per diversi motivi. Oltre ai tempi già citati da Eduardo, tra i motivi possiamo annoverare anche il richiami, inseriti da William Shakespeare, che legano l’opera a Napoli. L’autore inglese fa riferimento al Ducato di Milano e al Regno di Napoli.

La Tempesta di Eduardo in scena con le marionette

la tempesta di eduardo de filippo L’opera tradotta in napoletano seicentesco è stata pubblicata il 1 gennaio del 1984. Purtroppo, Eduardo De Filippo non riesce a portare in scena l’opera tradotta, perché lascia il grande teatro della vita il 31 ottobre del 1984, ma riesce a registrare la sua voce ed interpretare tutti i personaggi maschili. L’unico che non ha interpretato è stato Ariele che aveva la voce di Antonio Murro, mentre Miranda, unica voce femminile, era interpretata da Imma Piro.

La prima edizione della Tempesta shakespeariana viene rappresentata a Venezia, al Teatro Goldoni, nel 1985: inaugurava la Biennale Teatro allora diretta da Franco Quadri nella versione Eduardiana. Allora fu una grande emozione ascoltare la voce registrata di Eduardo De Filippo che recitava tutte le parti del capolavoro di Shakespeare da lui tradotto in napoletano. Eduardo era morto un anno prima: questa era stata la sua ultima fatica per la quale lui stesso aveva pensato al teatro di marionette.

La versione eduardiana continua ad essere tramandata grazie alla Compagnia Carlo Colla & Figli che nel loro repertorio conservano La Tempesta. L’opera viene ancora tramandata così come Eduardo aveva voluto, come spettacolo di marionette.

Conoscevi la versione napoletana de “La Tempesta”? Lasciaci un commento
0 0 voto
Voto iCrewers
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Potrebbe interessarti...

Ultime notizie

Ultimo

25 ottobre, 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0