0

Street art: Lediesis e le Superdonne

Lediesis: la street art che strizza l'occhio ai passanti. Grandi donne, raffigurate come supereroine, invadono le città italiane

lediesis
0

0

Una S da supereroe sul petto e un occhio strizzato, ecco come riconoscere Lediesis, un collettivo di street artists completamente al femminile. Opere che non solo attirano l’attenzione per la loro unicità e maestosità, ma omaggiano le grandi donne, la loro forza e i loro superpoteri.

Lediesis e il potere dell’invisibilità

Conosciamo ancora poco del collettivo Lediesis e delle loro identità, ma possiamo carpire le loro idee attraverso la scelta dei soggetti che ripropongono sulle pareti delle grandi città italiane. Partendo dal nome del collettivo, possiamo capire qual è lo scopo delle street artists che lo compongono: omaggiare le grandi signore (lady).

Le donne che rappresentano non sono solo donne realmente esistite, come Maria Callas o Margherita Hack, ma anche donne nata dalla fantasia dell’uomo, come Lara Croft o la principessa Leila.

Non si parla più di grandi donne, ma di Superdonne, caratterizzate dalla S di Superman sul petto. Le super-eroine vogliono mostrare l’immenso potere o superpotere che ognuno di noi cela dentro di sé e la forza con la quale hanno saputo usarlo per migliorare il mondo.

Oltre la S sul petto, si nota subito l’occhiolino delle Superwomen. Uno strizzar l’occhio non per ammaliare e sedurre, ma per creare un contatto diretto con il pubblico e dimostrare la loro audacia. Un gesto accattivante per far capire allo spettatore che ognuno di noi ha un superpotere. E anche il collettivo Lediesis ha un superpotere: l’invisibilità.

La tecnica utilizzata dalle Super-street artist è la Paste-up, anche conosciuta come Poster Art, in questo modo realizzano e progettano le opere in studio, per poi procedere con l’attacchinaggio notturno in strada.

La Portrait Gallery di strada che stimola la curiosità dei passanti e invoglia ad una vera e propria “caccia al murales”

Non solo street art, ma è una vera e propria galleria a cielo aperto, quella realizzata dalle Lediesis. Un lavoro di tutti e per tutti, volto a stimolare la positività degli spettatori, che hanno dimostrato di apprezzare i murales con selfies, postati sui social.

Ogni città ha la sua eroina, da Firenze con Margherita Hack, che le deve i natali, e Rita Levi Montalcini, che ha vissuto nascondendosi per evitare la deportazione, a Roma con Anna Magnani e Sora Lella, Mamma Roma e Nonna Roma, un concreto omaggio alla romanità.

A Bari, nel quartiere Madonnelle, possiamo ammirare il murale dedicato a Maria Callas, soprano e attrice statunitense di origine greca. A L’Aquila, invece, troviamo un’immensa Frida Kahlo, e a Milano una tormentata Alda Merini. Tra i canali della pittoresca Venezia, ammiriamo la regina dell’arte contemporanea, Peggy Guggenheim. E Bologna la Dotta ospita la femme fatale Marlene Dietrich.

I fortunati passanti hanno potuto ammirare la bellezza Sophia Loren, l’0cchiolino di Lina Wertmuller, l’estrosità di Yayoi Kausama e di Marina Abramovic, e le fantastiche Morticia Addams, Lara Croft, la Principessa Leila interpretata da Carrie Fisher, Eva Kant, Beatrix Kiddo interpretata da Uma Thurman e una Barbie massaia intenta a fare la spesa con la mascherina.

Collaborazioni e progetti per smuovere gli animi e sensibilizzare le persone

Le Lediesis non sono certamente lontane dai temi del sociale, anzi hanno collaborato con la Fondazione Il Cuore si scioglie onlus, con la campagna #ilmomentoèadesso, per la raccolta fondi per progetti di solidarietà. Hanno rappresentato 7 superhumans, uomini e donne che hanno e stanno cambiando la storia con il loro esempio e le loro idee. Personaggi di spessore etico-culturale del calibro di: Martin Luther King, Madre Teresa di Calcutta, Falcone e Borsellino, Greta Thunberg, Liliana Segre e Pietro Bartolo.

Anche la Milano Fashion Week 2020 (18 – 24 febbraio 2020) ha ospitato le Superdonne. Lungo i Navigli è stato possibile apprezzare e fotografare alcuni lavori: Barbie con la mascherina e la scritta “vado a Wuhan”, due donne con il niqab, Maga Magò, Alda Merini e Manuel Frattini nei panni di Bernadette del musical Priscilla – La regina del deserto.

Un’opera di grande importanza è stata quella dedicata a Giovanna Botteri, rappresentata sempre con gli immancabili simboli delle Superdonne e l’aggiunta di un piccolo microfono sul petto. La corrispondente Rai da Pechino è stata recentemente vittima di body shaming e le super artiste non hanno mancato di omaggiare il suo operato e la sua personalità. Le parole che le hanno dedicato sulla loro pagina Instagram sono state:

Giovanna Botteri, giornalista, è stata oggetto di critiche a causa del suo aspetto non così curato come i canoni superficiali e fittizi vorrebbero imporre. Dal canto suo questa #superdonna non si è scomposta e spinge ad una riflessione per scardinare modelli obsoleti che non hanno più ragione di esistere. A lei va la nostra più sincera stima. Su una finestra cieca del centro di Firenze.

Ultimo progetto da poter cercare e ammirare è Una Nuova Eva, nato con l’intento di rivalutare il ruolo femminile dopo il periodo di quarantena causato dal coronavirus:

 Dopo questo periodo niente sarà più come prima e, ci auguriamo, che anche il ruolo della donna sarà molto più influente nel mondo. La donna è sempre stata molto più capace dell’uomo di vivere in sintonia con le leggi della natura, la nostra Grande Madre e anche stavolta ha dato prova di grande resilienza e spirito di adattamento.

 

street art - lediesis
Hai mai trovato un’opera delle Lediesis? Cosa ne pensi? Girerai le grandi città italiane per strizzare l’occhio anche tu? Faccelo sapere

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Hai mai trovato un’opera delle Lediesis? Cosa ne pensi? Girerai le grandi città italiane per strizzare l’occhio anche tu? Faccelo sapere
0